A proposito dello spostamento delle antenne dal cento storico di Guadagnolo

387

Riceviamo e publichiamo dall’Associazione Guadagnolo insieme nel Tempo

“La popolazione di Guadagnolo, da più di trenta anni, subisce la presenza ingombrante e pericolosa dei tralicci radio-televisivi che sono stati istallati iniquamente nel cuore dei paese, talvolta sui tetti delle case.

Dopo moltissimi tentativi  andati a vuoto,ora finalmente il progetto di spostamento delle antenne dal centro abitato a Monte Coste Galle, in un sito molto distante da ogni nucleo abitato, ma atto a garantire la diffusione del segnale,vede la luce.

Infatti il progetto esecutivo del Comune di Capranica Prenestina è stato finanziato e approvato dalla Regione Lazio.

Ma ecco l’amarissima sorpresa per gli abitanti e  e per gli amici di Guadagnolo.

“Sedicenti ambientalisti amanti delle piante e degli  animali”sul web chiamano “scempi” le legittime aspirazioni dei residenti e dei frequentatori e blaterano di dinamiche ambientali e di persone che”si godono un po’ di vita camminando, di piante ,lupi, creste…..

Peccato che i guadagnolesi  la vita l’hanno persa anche se, nelle considerazioni di chi si oppone allo spostamento, il loro diritto alla salute abbia meno nobiltà della steppa preappenninica.

Nelle loro considerazioni i guadagnolesi non esistono.

E i morti di tumori che è la principale causa di morte?

Non una parola, non una riflessione, non un pensiero.

I sassi e la steppa contano di più.

Viene da chiedersi: ma se la via delle creste che forse attraversa il pianoro pietroso, in una piccola porzione del quale saranno istallati i tralicci, è “un valore assoluto”, le imponenti creste rocciose  che circondano e sorreggono il il nucleo abitato non meritano la stessa attenzione?

E po’ di erba appenninica  vale di più di un guadagnolese?

E l’ambiente di Monte  Coste Galle è più pregevole delle rocce della Formazione di Guadagnolo su cui il centro abitato è edificato e sul quale insistono le antenne che ne deturpano  il profilo aguzzo, visibile da tutta la campagna romana?

E gli ambientalisti a casa degli altri dove erano quando si incideva  il fianco di una collina per edificare una clinica privata e si deturpava  pesantemente sul paesaggio dell’ager prenestino edificando case su case e centri commerciali?

Zitti e muti.

Noi di Guadagnolo amiamo i nostri monti; li conosciamo dall’infanzia attraverso le fatiche spese dai nostri nonni e dai nostri genitori nella  coltivazione sapiente e faticosa di terre avare di raccolti, per averli attraversati da sempre in amene escursioni, ma amiamo soprattutto le donne e gli uomini che ci abitano , che ci ritornano per le vacanze estive ed invernali, e coloro che li frequentano da sempre con umile rispetto.

E amiamo profondamente tutti i morti, alla cui memoria, oltre al nostro affetto, va la nostra ostinata determinazione a difendere in ogni modo il progetto di spostamento delle antenne che consideriamo una occasione irripetibile da non perdere.

Ai contrari al progetto chiediamo rispetto per i vivi e per i morti, mentreribadiamo il nostro  sacrosanto e  inviolabile diritto alla salute”.

Associazione Guadagnolo insieme nel Tempo