Acea Ato2: interviene sulla rete e prevede tagli alle bollette per i meno abbienti3 min di lettura

274

Nel Corso della conferenza dei Sindaci di Acea Ato 2 che si è tenuta questa mattina è stato adottato lo schema regolatorio relativo all’aggiornamento della predisposizione tariffaria 2020–2023 contenente: il programma degli interventi e il piano economico finanziario per il prossimo quadriennio e la convenzione integrata per l’affidamento del sistema idrico integrato. Nel programma degli interventi sono stati approvati investimenti sul territorio del Comune di Tivoli per un importo complessivo di oltre di 37 milioni di euro che nel quadriennio 2020–2023 riguarderanno interventi di bonifica della rete idrica, di collettamento fognario e di adeguamenti degli impianti di depurazione.

L’assessora ai Lavori pubblici e vicesindaca di Tivoli  Laura Di Giuseppe

Oltre all’approvazione delle tariffe – che subiranno un aumento -, grazie a un grande lavoro di concertazione e di sinergia istituzionale è stato approvato, inoltre, un importante emendamento sottoscritto anche dal Comune di Tivoli e condiviso dai Comuni dell’ato», spiega l’assessora ai Lavori pubblici e vicesindaca Laura Di Giuseppe. «Nell’attuale contesto di emergenza sanitaria e di conseguenti difficoltà per i cittadini, l’emendamento permetterà d’incrementare il “bonus idrico integrativo” passando da otto a 17 milioni di euro nel quadriennio 2020-2023. Nelle attività di erogazione del bonus saranno coinvolte le strutture sociali dei Comuni, in particolare per quelle fasce di popolazione che si trovano a vivere situazioni di disagio economico e sociale. Il bonus sarà esteso anche alle famiglie che stanno vivendo problematiche socio-economiche generate dalla emergenza Covid19. Abbiamo, inoltre, richiesto, per tutelare la risorsa idrica e contenere le perdite di acqua, di dare priorità agli interventi di bonifiche della rete, aumentandole da 150 a 200 km nel 2021 e da 180 a 200 km nel 2022».

«Un lavoro di sinergia tra Comuni e con Acea», prosegue Di Giuseppe, «che auspichiamo venga assunto a modello di lavoro per tutte le attività che riguardano l’Ato2 e che mette in grande risalto il ruolo delle amministrazioni comunali, primo interfaccia con le reali esigenze degli utenti e dei territori. Ci uniamo al richiamo fatto alla necessità di una maggiore attenzione all’utilizzo della risorsa idrica, in particolare, per quella del fiume Aniene, come sottolineato dalle amministrazioni della Valle dell’Aniene».

li investimenti approvati oggi si andranno a unire a quelli degli anni passati e che stanno ora vedendo la loro prosecuzione. In particolare, partiranno nei prossimi giorni i lavori di bonifica della rete idrica di via della Serena, che s’inseriscono negli interventi di bonifica che interesseranno Villa Adriana e Tivoli Terme.

«Come già sottolineato per via Rosolina», conclude l’assessora, «i lavori portano con sé sempre dei disagi per la cittadinanza, ma ci restituiranno una rete idrica bonificata per molti chilometri, andando a migliorare i servizi di cui beneficiamo e a migliorare e rendere più efficiente l’utilizzo della risorsa più preziosa che abbiamo: l’acqua».

Eleonora Mattia, Presidente della IX Commissione del Consiglio regionale del Lazio

Grazie all’impegno dei sindaci e di Anci Lazio, assistiamo a un lieto fine a tutto vantaggio dei cittadini della provincia di Roma nella vicenda relativa all’aumento delle tariffe Acea. Il gestore, al termine di un tenace braccio di ferro all’assemblea dei sindaci Ato 2, ha accettato di intervenire sulla rete idrica con lavori strutturali che la miglioreranno nel corso dei prossimi tre anni e di praticare tagli importanti sulle bollette dei cittadini meno abbienti, addirittura fino al 90% per chi ha un reddito fino a 8 mila euro all’anno e fino al 50% per chi non guadagna piu’ di 20 mila euro l’anno. Una vittoria importante che tutela principalmente le fasce sociali piu’ in difficolta’, ma che va a vantaggio di tutti i cittadini con il riammodernamento strutturale della rete idrica, che provoca, come e’ noto, una enorme dispersione di acqua. Ringrazio tutti i sindaci e il presidente di Anci Lazio per la caparbieta’ con cui hanno saputo portare a casa questo risultato, mettendo fine e soprattutto avendo la meglio su una diatriba che andava avanti da anni”. Cosi’ in un comunicato Eleonora Mattia, Presidente della IX Commissione del Consiglio regionale del Lazio