#Contest Visit Lazio: Villa d’Este opposta alla Necropoli di Cerveteri2 min di lettura

217
Andrea Bruciati da maggio 2017 è direttore dell’Istituto autonomo Villa Adriana e Villa d’Este a Tivoli

L’Agenzia del Turismo della Regione Lazio(Visit Lazio) ha lanciato un contest su Facebook , una sfida in cui gli utenti potranno scegliere
la loro città del cuore nel Lazio, mettendo per gioco in competizione
le città o i luoghi simbolo per arrivare a un vincitore finale. Dopo
un primo quarto di finale spumeggiante dove Villa Adriana ha avuto la
meglio, oggi, a contendersi il secondo posto per le semifinali, ci
sono il Colosseo e Civita di Bagnoregio.

Invece mercoledì 6 maggio ore 12:00 Villa d’Este – Necropoli di Cerveteri
Venerdì 8 maggio ore 12:00 Isole Pontine – Greccio.

Abbiamo sentito il dott. Andrea Bruciati, direttore di Villa d’Este e
Villa Adriana per capire come vive questo contest, puramente attivato
per far  conoscere le meraviglie della nostra Regione?

“Vivo questa iniziativa con curiosità e partecipazione. Da una parte mi interessa molto il riscontro del pubblico e la dinamica  social attraverso cui si esprime il il gradimento verso i nostri siti. Dall’altra  faccio il tifo per Villa Adriana e Villa d’Este, pur nella consapevolezza che il contest mette in gioco i luoghi d’arte e di storia di maggior pregio e importanza del territorio del Lazio. Si tratta di un’esperienza divertente e coinvolgente per me e per i colleghi dell’Istituto, che seguono passo passo l’evolversi delle percentuali, commentando vivacemente”.

I cittadini tiburtini, pur non partecipando in modo massiccio al
contest sono dei veri cultori del proprio territorio pensa che in
questo circostanza di domani dimostrino l’affetto per la Villa?

“Sono certo che i cittadini di Tivoli parteciperanno alla votazione. Percepiamo l’affetto e la vicinanza per le Villae che viene dal territorio. Per questo esortiamo tutti ad esprimersi anche attraverso i social e il gioco. Si tratta in fondo di un modo alternativo per esprimere la propria socialità e il proprio senso di appartenenza in un momento delicato, di estremo ripiegamento individuale”.

 

Oltre al contest l’iIstituto Villae come si sta organizzando per
recepire le nuovi direttive da parte del Ministero per l’apertura?

“Stiamo innanzitutto affrontando le problematiche inerenti la tutela dei visitatori, poiché abbiamo a cuore la salute pubblica. Inoltre, stiamo riprogrammando le nostre iniziative con un’offerta trasversale tanto  per i destinatari quanto per i contenuti.
Naturalmente continuiamo anche a lavorare attraverso l’Ufficio Comunicazione e i social per il pubblico che ci segue da remoto. L’iniziativa  di Visit Lazio è un esempio delle dinamiche che intendiamo attivare sia come partner che come promotori”.