Barbet chiede informazioni sul padiglione Covid presso l’Italian Hospital Group2 min di lettura

547
Coronavirus

“Oggi ho avuto un colloquio telefonico con il dottor Antonello Isabella, Amministratore Delegato dell’Ihg (Italian Hospital Group), struttura presente sul nostro territorio e specializzata nel trattamento di persone non autosufficienti anche affette da forme di demenza, per capire tempi e modalità dell’arrivo dei pazienti Covid nel complesso e per esprimere le preoccupazioni di tutta la cittadinanza rivolte a questa situazione”- spiega il Sindaco di Guidonia Montecelio Michel Barbet.
Un evento per cui il personale sta seguendo una formazione specifica.
“Il personale specializzato dello Spallanzani ha svolto una formazione specifica ai dipendenti Ihg- continua il Primo Cittadino- ed anche la onlus Medici Senza Frontiere ha effettuato nei giorni precedenti un sopralluogo ed una consulenza sulla strumentazione medica per capire l’idoneità della struttura ad ospitare i pazienti Covid. La scorsa settimana, inoltre, l’unità di crisi della Asl Roma 5 ha effettuato un sopralluogo con la finalità di visionare la struttura e dare suggerimenti utili allo sviluppo di una logistica sicura”.

I soggetti positivi al Coronavirus saranno ospitati in un’ala specifica della struttura.
“L’Ihg ha predisposto un padiglione riservato ai pazienti positivi al Covid 19- sostiene Barbet- zona in cui in precedenza erano presenti altri pazienti della struttura, trasferiti in una struttura del gruppo in zona Camilluccia con il consenso delle famiglie. Questo padiglione sarà riservato ai paziente meno gravi, poiché per chi presenta sintomatologie più importanti è previsto il ricovero in ospedale”.

L’arrivo dei pazienti che saranno massimo 60 è legato indissolubilmente al rifornimento dei Dpi (Dispositivi Protezione Individuale) da parte della Asl Roma 5.
“I pazienti arriveranno in più fasi ed alla fine saranno massimo 60 persone- conclude il Sindaco- il loro arrivo avverrà quando tutte le misure di sicurezza saranno adottate dalla struttura in accordo con la Asl Roma 5, in particolare per quanto concerne la distribuzione dei Dpi a tutto il personale della struttura. Voglio rassicurare i cittadini che stiamo seguendo l’evolversi di questa vicenda e vigileremo sull’applicazione di tutte le normative di sicurezza del caso”.