Castel Madama: coltivava marijuna tra vigne e pomodori1 min di lettura

362

Proseguono i controlli disposti dal Comando della Compagnia Carabinieri di Tivoli sul fenomeno della produzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari della Stazione di Castel Madama hanno arrestato un 42enne del posto dopo averlo sorpreso a coltivare, in un terreno di sua proprietà, alcune piante di marijuana.

I Carabinieri, all’esito di una attenta attività informativa seguita da servizi di osservazione, hanno riscontrato la presenza di una piccola piantagione di marijuana, nascosta tra vigne e pomodori in un terreno di proprietà dell’arrestato.

Sono stati sufficienti due giorni di appostamenti per verificare il collegamento tra la piantagione “stupefacente” e il 42enne, di professione idraulico.

Ad aggravare la sua posizione, anche l’ingente quantità di marijuana stoccata e pronta ad essere immessa sul mercato locale degli stupefacenti, rivenuta all’interno dell’abitazione di pertinenza del terreno; i Carabinieri, infatti, hanno trovato quasi 4 Kg di marijuana essiccata, nonché materiale per il confezionamento e vari bilancini.

Le successive analisi tossicologiche hanno permesso di accertare che, con il quantitativo di droga sequestrata, sarebbe stato possibile immettere sul mercato illegale circa 4.000 dosi per un profitto complessivo stimato in circa 20.000 euro.

Il G.I.P. di Tivoli, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto per il 42enne l’obbligo di dimora nei Comuni di Tivoli e Castel Madama con obbligo di presentazione alla P.G. giornaliero.