Castel Madama: lettere anonime e vetture incendiate, il Pd sotto attacco

1262

#NLCastelMadama #NLCronaca – Prima le lettere minatorie e poi l’attentato incendiario, sotto mira sono finiti due esponenti del Partito Democratico di Castel Madama. Qualche giorno fa al dirigente, e presidente del parco dei Monti Lucretili, Marcello Vasselli è stata recapitata una lettera anonima: “la vita è bella, sei un obiettivo sensibile”. Martedì notte, invece, al segretario cittadino Claudio Rampini è stata incendiata la vettura.
“Siamo di fronte ad una preoccupante escalation di violenza e minacce – ha commentato in una nota Marco Vincenzi, capogruppo del Partito Democratico al consiglio regionale del Lazio – che ha raggiunto apici mai conosciuti in passato a Castel Madama. Episodi incresciosi, di chiara matrice delinquenziale, che sarebbe sbagliato sottovalutare. Rivolgo ai democratici di Castel Madama la mia solidarietà personale e quella dell’intero gruppo consiliare alla Regione. C’è bisogno di un’immediata mobilitazione democratica per isolare i responsabili e mi auguro che tutte le forze politiche, di maggioranza e di opposizione prendano immediatamente le distanze da questi fatti, con forti segnali politici.”.
“Auspico – conclude Vincenzi – che le forze dell’ordine e la magistratura, non lascino nulla di intentato per individuare al più presto i responsabili di questi episodi, assicurandoli alla giustizia”.
“Desidero esprimere la mia solidarietà – ha aggiunto il presidente della Regione Lazio Nicol Zingaretti – agli esponenti del Partito Democratico di Castel Madama per gli episodi intimidatori che li hanno colpiti. Questo clima di terrore non puo’ e non dev’essere tollerato, sono sicuro che gli autori di questi atti criminali verranno assicurati alla giustizia al più presto. Saremo sempre in prima fila per tutelare la libertà di dialogo, ma il confronto politico non deve degenerare in attacchi violenti come è accaduto in questi ultimi giorni”.

Testo da visualizzare in slide show