Castel Madama ricorda il vice brigadiere dei Carabiniere Renzo Rosati

414
Carabinieri
Carabinieri

Giornata di commemorazione domani a Castel Madama, dove si terrà la cerimonia in ricordo del Vice Brigadiere dei Carabinieri Renzo Rosati, ferito mortalmente da un colpo di pistola mentre si trovava di pattuglia nell’aprile del 1988. Alla presenza delle più alte Autorità civili, politiche e militari sarà ricordato l’estremo sacrificio del giovane sottufficiale. La cerimonia commemorativa si svolgerà, alle ore 18.00 in via Ara della Cordara, dove avvenne l’agguato.

Il Sindaco di Castel Madama, Domenico Pascucci, porrà una corona di fiori davanti alla lapide che ricorda il militare caduto in servizio. Sono trascorsi trent’anni dalla sera del 17 aprile del 1988, e la comunità di Castel Madama vuole ricordare con riconoscenza il valore e l’eroismo del Vice Brigadiere Rosati che prestava servizio nel comune castellano. 
- Il vicebrigadiere Rosati era originario di Assisi, dove era nato il 6 aprile 1962. Dopo aver conseguito il diploma si era arruolato nell’Arma. Nel 1987 divenne vicebrigadiere e venne assegnato alla stazione di Castel Madama.

L’anno successivo l’incidente che gli costò la vita. 
- Al vicebrigadiere Renzo Rosati l’Arma dei Carabinieri ha assegnato la Medaglia d’Oro al valore Civile, con le seguenti motivazioni: “Nel corso di un servizio automontato, unitamente ad altro militare, inseguiva e bloccava due giovani sorpresi a bordo di un ciclomotore rubato. Notato che uno dei fermati tentava di estrarre un’arma, non esitava, con sprezzo del pericolo, a lanciarsi contro, venendo però ferito mortalmente da un colpo di pistola. Splendido esempio di grande ardimento e di altissimo senso del dovere”. 
Negli anni non sono mancati attestati di stima e riconoscenza da parte della popolazione di Castel Madama che ringrazia l’Arma per la sua presenza sul territorio al fianco del cittadino.

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here