Cavalli a Campolimpido, il Sindaco scrive alle forze dell’ordine

2254
Cavalli a Campolimpido
Cavalli a Campolimpido

Cavalli a Campolimpido e mucche al Bivio di San Polo, il Sindaco scrive alle forze dell’ordine e all’Asl. Il problema degli animali che “pascolano” per le vie di Campolimpido, La Botte, Bivio di San Polo, ha esasperato i residenti. Servono ”con urgenza tutti i provvedimenti necessari per eliminare il pericolo creato da cavalli e mucche che circolano senza custodia”, ha scritto il primo cittadino Giuseppe Proietti nella missiva inviata, per conoscenza, anche al Prefetto.

CAVALLI A CAMPOLIMIDO E MUCCHE AL BIVIO DI SAN POLO

Per tutelare la pubblica incolumità il Sindaco Giuseppe Proietti ha chiamato in causa Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia locale, Polizia stradale, Forestale, Servizio veterinario della Asl Rm5 e, per conoscenza, al Prefetto di Roma. Polizia e carabinieri erano stati, invano, chiamati in causa molte volte dai residenti che si erano appellati al 112 ed al 113 quando vedevano cavalli e mucche passeggiare su strade, anche importanti e trafficate come la Tiburtina Valeria.

IL SINDACO

“Da diverso tempo nel territorio comunale vengono segnalati equini e bovini vaganti che circolano incustoditi lungo le strade, creando notevole pericolo per la pubblica incolumità – ha scritto Giuseppe Proietti -. In particolare, gli episodi più frequenti si sono verificati e continuano a verificarsi: lungo la via Tiburtina Valeria, nel tratto compreso tra le località Crocetta e Bivio di San Polo, dove bovini allevati allo stato brado nei terreni ubicati sui cosiddetti “Monti comunali” invadono ripetutamente la sede stradale”.

A Campolimpido, invece, “continuano ad essere segnalati dai cittadini equini che si allontanano senza custodia, anche in branco, da diversi allevamenti, invadono le sedi stradali e creano un notevole pericolo per pedoni ed automobilisti”.

IL PROBLEMA CAVALLI A CAMPOLIMPIDO

“Soprattutto nel quartiere di Campolimpido – ha aggiunto Proietti -, nonostante i molteplici interventi della Polizia locale del Comune di Tivoli, che negli ultimi mesi ha elevato diversi verbali nei confronti dei proprietari, gli episodi continuano a verificarsi quotidianamente”.

“Si richiede di intervenire con urgenza – eventualmente attraverso la costituzione di un tavolo di lavoro – per attuare tutti i provvedimenti necessari a tutela della pubblica incolumità”.

blank