Consiglio Regionale: una settimana dedicata alla riduzione della pressione fiscale

509

I lavori del Consiglio regionale del Lazio di questa settimana saranno prevalentemente dedicati all’esame della proposta di legge regionale 327 dell’11 marzo 2022, “Misure per la riduzione della pressione fiscale e incremento del fondo speciale di parte corrente”, a partire dalle ore 10 di martedì 22 marzo, in commissione Bilancio, programmazione economico-finanziaria, partecipazioni regionali, federalismo fiscale, demanio e patrimonio, convocata in sala Etruschi in modalità mista/telematica. Si tratta di un provvedimento collegato alla legge di stabilità regionale 2022, in particolare al primo comma dell’articolo due, che ha previsto l’emanazione di un’apposita legge regionale entro il 31 marzo 2022 per la nuova articolazione degli scaglioni dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) e l’esclusione delle persone fisiche dall’applicazione dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap), con riferimento al periodo d’imposta successivo al 31 dicembre 2021.

Di seguito il testo integrale dell’articolo 2 della Legge regionale 20 del 2021 “Legge di stabilità regionale 2022”, dedicato alle misure per la riduzione della pressione fiscale: “Al fine di ridurre la pressione fiscale nonché di favorire l’ampliamento della base produttiva e occupazionale e il rilancio della competitività delle imprese sui mercati esteri, con apposita legge regionale, da adottare entro il 31 marzo 2022 in coerenza con la legislazione statale recante la nuova articolazione degli scaglioni dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) e l’esclusione delle persone fisiche dall’applicazione dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap), con riferimento al periodo d’imposta successivo al 31 dicembre 2021, si provvede alla ripartizione del fondo di cui al comma 2 e alla: rideterminazione delle aliquote dell’addizionale regionale all’imposta sul reddito delle persone fisiche per specifiche categorie di soggetti e scaglioni di reddito imponibile, ai sensi dell’articolo 6 del decreto legislativo 6 maggio 2011, numero 68 (Disposizioni in materia di autonomia di entrata delle regioni a statuto ordinario e delle province, nonché di determinazione dei costi e dei fabbisogni standard nel settore sanitario) e successive modifiche; individuazione delle categorie di soggetti passivi dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap) di cui all’articolo 3, comma 1, lettere a), b), c) ed e) del decreto legislativo 15 dicembre 1997, numero 446 (Istituzione dell’imposta regionale sulle attività produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell’Irpef e istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonché riordino della disciplina dei tributi locali) e successive modifiche, per i quali non trova applicazione la maggiorazione dell’aliquota dell’Irap di cui all’articolo 1, comma 174, della legge 30 dicembre 2004, numero 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato “Legge finanziaria 2005”) e successive modifiche; riduzione, nei limiti consentiti dalla normativa statale vigente, degli importi della tassa automobilistica regionale e della soprattassa annuale regionale di cui al Titolo III, Capo I, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, numero 504 (Riordino della finanza degli enti territoriali, a norma dell’articolo 4 della legge 23 ottobre 1992, numero 421) e successive modifiche. Ai sensi dell’articolo 8, comma 9, della legge regionale 30 dicembre 2013, numero 13 (Legge di stabilità regionale 2014) e successive modifiche, la dotazione finanziaria del “Fondo per la riduzione strutturale della pressione fiscale”, iscritto nel programma 03 ‘Gestione economica, finanziaria e di provveditorato’ della missione 01 ‘Servizi istituzionali, generali e di gestione’, titolo 1 ‘Spese correnti’, del bilancio regionale 2022-2024, è pari a euro 130.000.000,00 per l’anno 2022″


There is no ads to display, Please add some