Elezioni: come si vota e come vengono scelti sindaci e consiglieri

1485

#NLElezioni – Per le elezioni comunali verrà consegnata una scheda azzurra con tutti i nomi dei candidati sindaci e, accanto, i simboli delle liste che lo appoggiano.

Nei comuni con più di 15 mila abitanti.

Per l’elezione dei Consiglieri Comunali, è possibile esprimere una o due preferenze, indicando il cognome dei candidati prescelti accanto al simbolo della lista a cui appartengono, oppure scrivendo solo i numeri progressivi dei candidati, secondo quanto risulta dagli elenchi affissi presso le sezioni elettorali. 

Se si esprimono due preferenze, le due persone votate devono essere un uomo ed una donna, non è possibile votare due persone dello stesso sesso. Vengono eletti i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze, indipendentemente dalla loro posizione in lista.

Per l’elezione dei Sindaci è possibile esprimere il proprio voto in tre modi diversi.
• Sbarrando il simbolo della lista (votando così sia per il Sindaco che per la lista ad esso collegata);
• Sbarrando solo il nome di un candidato Sindaco (votando così solo per il Sindaco e non per la lista o le liste collegate);
• Sbarrando sia il simbolo della lista, con l’eventuale indicazione della preferenza, sia sul nome di un candidato Sindaco non collegato a quella lista (voto disgiunto).

Viene eletto Sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi il 50 % più uno. Qualora questo risultato non venisse raggiunto da nessun candidato, si torna al voto (ballottaggio) tra due settimane (l’8 giugno) per scegliere tra i due candidati che al primo turno hanno ottenuto il maggior numero di voti. Dopo il primo turno, entro una settimana, le varie liste, ad eccezione di quelle già collegate con candidati in ballottaggio, possono a loro volta collegarsi con uno dei due candidati ammessi al ballottaggio.
Al secondo turno, o ballottaggio, viene eletto sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti. Per quanto riguarda la composizione del Consiglio, se la lista o il gruppo di liste collegate al sindaco eletto nel primo o nel secondo turno non hanno conseguito almeno il 60 per cento dei seggi, ma hanno ottenuto nel primo turno almeno il 40 per cento dei voti, ottengono automaticamente il 60 per cento dei seggi. I seggi restanti vengono divisi proporzionalmente tra le altre liste.

I seggi resteranno aperti solo domenica 25 maggio, dalle 7 alle 23 e si voterà sia per le elezioni Comunali che per quelle Europee. Lo scrutinio dei voti comincerà subito la chiusura dei seggi con i voti per le elezioni Europee. Lunedì pomeriggio, dalle 15, prenderà il via lo scrutinio dei voti per le elezioni Comunali.

Testo da visualizzare in slide show


There is no ads to display, Please add some