Ferrovie dello Stato: nel Lazio arrivano 72 nuovi treni1 min di lettura

582
Linea FL2 Roma - Tivoli

Diciotto miliardi di investimenti per il Lazio nel periodo 2019-23: 13 dedicati alle infrastrutture ferroviarie, in particolare per aumentare gli standard di sicurezza, 1,4 al trasporto ferroviario e 3,9 alle infrastrutture stradali. E’ quanto presentato il 23 aprile dall’Ad di Fs, Gianfranco Battisti, alla Regione Lazio, alla presenza del governatore, Nicola Zingaretti, e del ministro dei Trasporti, Paola De Micheli.

“Il nostro piano strategico complessivo- ha spiegato Battisti- prevede nel 2019-23 circa 58 miliardi di investimenti. Nel periodo di ciclo di vita intera per il Lazio ne prevediamo 18: 13 destinati all’infrastruttura ferroviaria, inclusa la digitalizzazione della catena del valore e 1,4 destinati al miglioramento del sistema trasportistico. Ricordo che arriveranno nel Lazio 72 nuovi treni che faranno del Lazio la regione con l’eta’ media piu’ bassa del parco rotabile”.

“Altri 3,9 miliardi andranno agli interventi stradali- ha ricordato Battisti- 200 milioni, e non e’ banale, sono destinati all’azione di rigenerazione urbana in molte aree, in particolare Roma, Nettuno e Frosinone. E poi c’e’ il tema della riqualificazione delle stazioni. Nel nostro piano ci sono 88 stazioni nel Lazio di cui 10 gia’ realizzate”.

“Per quanto riguarda i treni– ha aggiunto Battisti- siamo particolarmente orgogliosi. Si tratta di mezzi di nuovissima generazione su cui si potranno anche fare riflessioni in coerenza con le normative del ministero dei Trasporti, gia’ nelle fabbriche. Un piccolo elemento di incertezza e’ presente sui 12 treni ‘Rock’ che dobbiamo consegnare quest’anno. Ho sentito i costruttori ma purtroppo gli elementi contingenti creano un rallentamento. Se non saranno 12 ne consegneremo 9 o 10. Ma nel ciclo interno finale tutti e 72 saranno disponibili. Sulla linea Rieti-Roma abbiamo ordinato tre treni bimodali, ovvero che hanno una duplice attivita’ di alimentazione sia diesel che elettrica, per permettere un maggiore adattamento su quella linea”.