Funerali dei due ragazzi di Tivoli: una folla commossa gli ha tributato l’ultimo saluto2 min di lettura

4889
Funerali dei due ragazzi di Tivoli
Funerali dei due ragazzi di Tivoli

Funerali dei due ragazzi di Tivoli deceduti nel tragico incidente di domenica, la città si è stretta intorno alle famiglie. Una folla di quasi 5 mila persone, questo giovedì mattina, si è radunata fuori la chiesa di San Michele Arcangelo per l’ultimo saluto Federico Baldi e Riccardo Murdaca.

Parenti, amici, compagni di scuola, ma anche i compagni di escursione in fuoristrada e moto, i compagni di tifo, in via Cinque Giornate era presente tutto il “mondo” dei due giovani.

“Quì ci sono tutti tranne te – ha commentato, commosso, il fratello di Federico -. Una cosa è certa: eri troppo bravo per questa terra. Oggi non sarà un addio ma un arrivederci. Sicuramente i tuoi amici tifosi della Lazio ti saluteranno lunedì nella prossima gara contro il Milan”.

“La vita non è e non sarà più la stessa – ha commentato il parroco durante l’Omelia – e sarà difficile da affrontare. Ma dobbiamo trovare le forze prendendo come esempio l’amicizia di Riccardo e Federico uniti, sempre insieme, ed educati dai genitori al rispetto ed alla bontà. Il dolore è devastante e lo sarà sempre”.

Poi, rivolto ai giovani “Riflettiamo sulla vita, che è un dono. Il dono più grande che dobbiamo imparare a custodire ed amare facendo in modo la vita che sia vissuta in pienezza”.

Alla cerimonia era presente anche il sindaco di Tivoli, Giuseppe Proietti. “La comunità – ha spiegato – si stringe attorno a Riccardo e Federico ed ai loro cari. Questa comunità pensa a loro come a due fiammelle che non si spegneranno. Sono due ragazzi che hanno donato a tutti la loro gioia di vivere. La comunità li avrà sempre con sé, sono stati esempio di una vita, breve, ma alla quale hanno donato tanto. Grazie per esserci stati, grazie davvero”.

 

I COMMENTI DEGLI AMICI

“Che tu possa avere sempre il vento in poppa, che il sole ti risplenda in viso, e che il vento del destino ti porti in alto a danzare con le stelle”.

LEGGI ANCHE:

Chi erano Riccardo e Federico