Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

450

In occasione del 21 marzo, in Piazza del Campidoglio, in collaborazione con L’Osservatorio Tecnico Scientifico per la Legalità e la Sicurezza della Regione Lazio e con Roma Capitale, Libera ha organizzato la ‘Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie’, giunta alla sua 27esima edizione. La giornata viene celebrata in contemporanea con tanti luoghi del Paese e con la piazza principale di Napoli. La data è stata scelta insieme ai familiari delle vittime innocenti delle mafie per ricordare tutti i nomi di coloro che sono stati uccisi dalla violenza mafiosa.
Una giornata che unisce in tutta Italia migliaia di persone, associazioni, istituzioni, sindacati, studenti e studentesse, attorno ai valori della memoria e dell’impegno.
Durante la mattinata vengono letti i 1.055 nomi delle vittime innocenti delle mafie, includendo una rappresentanza degli studenti e studentesse, delle istituzioni e delle realtà associative presenti. Dal 1996 il 21 marzo rappresenta infatti l’occasione di essere al fianco di chi, troppo spesso, non ha ottenuto né verità né giustizia, rivolgendo allo stesso tempo lo sguardo al presente per la costruzione di una società libera dall’oppressione mafiosa.
Ad aprire la manifestazione è Marco Genovese, referente di Libera per Roma: “Piazza del Campidoglio ha per noi un significato molto particolare, perché proprio qui a Roma, nel primo giorno di primavera del 1996, tutto ha avuto inizio. Perché la mafia deve far parte della memoria di tutto il paese. Il nostro obiettivo non è solo ricordare ma anche raccontare storie dedicate a quello che sta succedendo oggi. La manifestazione di oggi- chiosa Genovese- ha un titolo: ‘Terra mia, Coltura e Cultura’”.


There is no ads to display, Please add some