Giorno del ricordo per le Foibe, una proposta ed una polemica contro il Comune2 min di lettura

1987
Giorno del ricordo per le Foibe
Giorno del ricordo per le Foibe

Giorno del ricordo per le Foibe, per la celebrazione del 10 Febbraio una proposta ed una polemica contro il Comune.

LA PROPOSTA

Presentata una mozione per intitolare una via ai martiri italiani. La proposta è trasversale, il documento è firmato dal consigliere di opposizione Alessandro Petrini e da quelli di maggioranza Fabio Attilia e Riccardo Luciani.

“Credo che i tempi siano maturi – ha dichiarato Alessandro Petrini – affinchè anche nella toponomastica di Tivoli trovi spazio la tragedia dei martiri delle foibe, connazionali trucidati e buttati nelle cavità carsiche nel 43-45 dalle bande partigiane titine, avendo come unica colpa quella di essere italiani”.

LE POLEMICHE

Polemiche per il Giorno del ricordo per le Foibe, invece, sono arrivate da Fratelli d’Italia – AN che mercoledì ha presentato una formale protesta al Sindaco Proietti ed al Presidente del Consiglio Comunale Cecchetti, “poiché l’amministrazione comunale non ha previsto alcuna iniziativa o manifestazione per celebrare il Giorno del Ricordo, ricorrenza che cadrà domani 10 febbraio”.

“E’ sconcertante – hanno aggiunto i portavode di FdI – An, Massimo Pacella, Vincenzo Tropiano, Marco Innocenzi ed Ettore Tirrò – il fatto che l’amministrazione Comunale ed il Consiglio Comunale vogliano ignorare una solennità civile nazionale italiana, istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92, che vuole conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra”.

DAL COMUNE

Da Palazzo San Benerdino hanno diramato una nota per il Giorno del Ricordo dando anche notizia della volontà di realizzare un monumento per le vittime delle Foibe, così come fatto per le vittime civili dei bombardamenti subiti dalla città nel 1944.

L’Amministrazione comunale di Tivoli partecipa al Giorno del Ricordo delle vittime delle foibe, che si celebra oggi in Italia. “Chi come noi crede fortemente nei valori della democrazia, tiene ben ferme nella memoria tutte le vicende storiche caratterizzate da orrore e barbarie di uomini contro altri uomini. Questo è il caso della “vicenda foibe” – ha dichiarato il Sindaco Giuseppe Proietti -. Mi riconosco appieno nel messaggio di oggi del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: il nostro augurio è che anche le giovani generazioni vogliano continuare a credere e a volere una Europa unita, nel segno della pace tra le nazioni e del pieno rispetto delle diversità culturali e della cooperazione tra i popoli”. L’Amministrazione comunale ricorderà questa vicenda con un segno destinato a rimanere a testimonianza tangibile, così come è stato fatto per le vittime civili dei bombardamenti subiti dalla città nel 1944.