Guidonia: nuovo bando per i buoni spesa, anche per i cassaintegrati3 min di lettura

449
“Abbiamo appena pubblicato il bando per i buoni spesa a sostegno delle famiglie in difficoltà- dichiara il Sindaco Michel Barbet-  le domande dovranno pervenire entro e non oltre il 3 giugno 2020. La richiesta di concessione del beneficio economico dovrà essere effettuata esclusivamente in modalità on line e con accesso dal sito istituzionale dell’Ente: www.guidonia.org, unitamente alla copia di un documento d’identità in corso di validità”.

I requisiti di accesso sono:

1. residenza/domicilio nel Comune di Guidonia Montecelio;
2. per i cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea, il possesso di un titolo di soggiorno in corso di validità;
3. qualora si tratti di nuclei familiari non in carico ai servizi sociali questi ne dovranno accertare lo stato di bisogno e procedere alla presa in carico, privilegiando nuclei familiari con un disabile all’interno dello stesso nucleo e/o sostengono una spesa per l’affitto e/o hanno due o più figli a carico;
4. trovarsi in una situazione di bisogno a causa dell’applicazione delle norme relative al contenimento della epidemia da Covid-19, previa autocertificazione che ne attesti lo stato;
5. essere destinatari della cassa integrazione in deroga e non aver ancora ricevuto il relativo beneficio e, pertanto, trovarsi in una situazione di particolare disagio socio-economico. Tale presupposto, oltre che essere riferibile esclusivamente all’emergenza COVID-19 (e, comunque, posteriore al 24 febbraio 2020), deve essere attestato tramite apposita autocertificazione;
6. non essere beneficiari di altre forme di sostegno al reddito e alla povertà erogati da Enti pubblici (es. reddito di cittadinanza etc.). Solo in casi di particolare disagio socio-economico, accertato dai servizi sociali, è possibile procedere all’erogazione del beneficio.
Una volta inviata la richiesta, gli utenti saranno contattati telefonicamente dai Servizi Sociali, per una breve intervista telefonica, diretta a comprendere le reali necessità della persona o del nucleo familiare.
“L’Ufficio, comunque, provvederà alla prioritaria valutazione e soddisfazione delle istanze pervenute dai cittadini destinatari della Cassa Integrazione in deroga- sostiene il Primo Cittadino- che non hanno ancora ricevuto il relativo beneficio e che, pertanto, versano in una situazione di particolare disagio socio-economico riferibile esclusivamente all’emergenza COVID-19 (e, comunque, posteriore al 24 febbraio 2020) che abbiano presentato domanda, non accolta, a seguito del primo avviso (con scadenza 16 aprile 2020). Costoro non devono ripresentare domanda in quanto quella, a suo tempo, pervenuta sarà esaminata e valutata dall’Ufficio per accertare la permanenza del presupposto della mancata percezione del reddito.
In quest’ultimo caso, tale circostanza, deve essere oggetto di apposita autodichiarazione resa da parte dell’interessato e trasmessa a mezzo mail, all’indirizzo [email protected]”.
Un lavoro portato avanti con costanza dagli uffici dei servizi sociali come dichiara l’Assessore ai Servizi Social Davide Russo.
“Gli uffici dei Servizi Sociali non si sono fermati un giorno da quando è iniziata l’emergenza- dichiara l’Assessore Russo- e non ci fermeremo fino a quando non si tornerà alla normalità.  Abbiamo un plafond di 469.440,00 euro da erogare ancora alle famiglie. A nome dell’Assessorato al sociale ringrazio gli uffici per lo straordinario lavoro che si è rilevato essenziale per la nostra comunità. In questo momento difficile di ripresa sta emergendo ancora la grande forza dei dipendenti, dei consiglieri comunali, del volontariato nel praticare e diffondere concretamente i valori della solidarietà e della sussidiarietà.”