Guidonia: rubato antico teschio dal cantiere della Selciatella1 min di lettura

1299

#NLCronaca #NLGuidonia – Cronaca di uno “sfregio” annunciato, dopo l’allarme per le incursioni di vandali e curiosi nel cantiere della Selciatella è arrivato il furto di un teschio di neonato rinvenuto durante i lavori per la nuova viabilità della zona di Tor Mastorta. Dal Mibact è arrivata al Municipio guidoniano una lettera per chiedere una sorvegliarnza ha 24.

“Erano già noti gli assalti a colpi di piccone del pavimento della fornace ritrovata nel corso dei sondaggi la distruzione di un paio di calzari rinvenuti all’interno di alcune tombe – hanno spiegato in una nota dal Comune -. Ora però è lo stesso Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) a comunicare al sindaco Eligio Rubeis del trafugamento dal sito di scavo, già prima dell’8 ottobre, di un teschio di neonato, rinvenuto in sepoltura primaria nell’area che gli archeologici stanno scandagliando. Il soprintendente ai Beni archeologici del Lazio, Elena Calandra ha così deciso di inviare al primo cittadino un decalogo di prescrizioni a garanzia dello scavo: una guardiania anche nelle ore notturne e serali; il coinvolgimento, in ragione dell’interesse storico topografico del sito e della sua estensione di almeno un altro archeologo a supporto dell’incaricata Valentina Cipollari e di un antropologo di comprovata  professionalità per procedere alla catalogazione necessaria prima di rimuovere le numerose sepolture emerse nel corso della ricerca”.

Testo da visualizzare in slide show