Impianti sportivi a Tivoli e Guidonia, gioie e dolori per le società2 min di lettura

244

È iniziata la nuova stagione sportiva con il primo obiettivo delle società di trovare una casa e cioè un impianto dove poter effettuare allenamenti e gare agonistiche. Impianti sportivi a Tivoli e Guidonia, gioie e dolori per le società Mentre a Guidonia Montecelio il problema principale riguarda il “Comunale”, a Tivoli si è aperta la sfida a colpi di buste chiuse per l’Olindo Galli.

Guidonia

Il “Comunale” di Guidonia Montecelio, come scriviamo da tempo, necessita del rifacimento del sintetico. Intanto l’amministrazione comunale ha provveduto a preparare la documentazione per un calendario settimanale inserendo criteri discutibili come il massimo di utilizzo a tre giorni per un club che per una società organizzata e con tutte le categorie a disposizione è praticamente la metà di quanto necessario.

Il nuovo bando per la gestione, si mormora nei corridoi di piazza Due Giugno a Guidonia, dovrebbe dare la possibilità all’associazione che andrà a gestire l’impianto di poter rientrare negli anni della spesa per il rifacimento del sintetico (di circa 350mila euro) con una direzione di lungo periodo sull’impianto.

Considerando che ogni campo sintetico gode di dieci anni di omologazione e può averne al massimo tre di proroga, potrebbe essere indicata in 13 anni la durata corretta di una gestione di un impianto come il “Comunale” per una società o associazione organizzata e con le disponibilità economiche per garantirne l’utilizzo.

Per il fine settimana rischia di diventare nuovamente il punto di riferimento per i campionati federali il “Fiorentini” di Montecelio per un utilizzo che andrà con il tempo a rovinare il manto sintetico dove tra pochi anni si ripresenterà lo stesso problema del “Comunale”. Meglio prevenire che curare e l’Amministrazione dovrebbe iniziare a programmare per il futuro.

Tivoli

C’è tempo fino a lunedì 29 luglio per presentare domanda per l’assegnazione di utilizzo per l’anno sportivo 2019/2020 del campo sportivo “Olindo Galli” di Tivoli. Possibilità per tutte le società, le associazioni sportive, le federazioni e gli enti di promozione sportiva. Questi i criteri per l’assegnazione: livello agonistico della disciplina sportiva esercitata, numero di ore e fasce orarie richieste, capacità tecnica ed economica, numero degli iscritti, promozione dell’attività giovanile e di rilevanza sociale, inserimento di soggetti disabili. Ancora si attende la risoluzione burocratica per l’avvio dei lavori pr il campo C destinato alla pratica rugbista come da finanziamento preso. Ormai sono passati giorni su giorni e non si vede luce.

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.