Impianti sportivi di Tivoli, al via la nuova stagione all’insegna delle novità3 min di lettura

2628
Impianti sportivi di Tivoli, Campo Ripoli
Impianti sportivi di Tivoli, Campo Ripoli

Impianti sportivi di Tivoli, al via la nuova stagione all’insegna delle novità.

Mentre stanno riprendendo le attività le squadre tiburtine, di tutti gli sport, sono quasi finiti i primi due cantieri, dei quattro, avviati dal Comune. I lavori, per 1.6 milioni di euro presi da Palazzo San Bernardino con un mutuo a tasso zero del Credito Sportivo, stanno interessando Campo Ripoli e l’Oliando Galli. Poi sarà la volta del Campo C e del Palazzetto dello Sport, sempre nella Città dello Sport.

Intanto per lo stadio è stato chiuso il bando per l’uso del campo da calcio e della pista di atletica. Hanno partecipato quattro società ed a giorni è prevista l’assegnazione definitiva degli spazi.

I LAVORI

Procedono due dei quattro cantieri finanziati dal Comune con un mutuo a tasso zero da circa 1.6 milioni di euro del Credito Sportivo. I lavori a Campo Ripoli, rifacimento del manto da gioco, dovrebbero finire entro il 20 settembre. La consegna della atletica dell’Olindo Galli è prevista entro il 20 ottobre, ma già entro il 20 settembre dovrebbe essere finita la maggior parte dei lavori. Resterebbe da disegnare le linee.

Consegnato il progetto, invece, per la riqualificazione del Campo C della Città dello Sport. Ora si potrà procedere con l’affidamento dei lavori. Più in alto mare, invece, la situazione del Palazzetto dello Sport Paolo Tosto per cui si attende ancora il progetto. In extremis, oltre alla ristrutturazione ed alla sistemazione di tutti gli impianti, potrebbe essere cambiato anche il manto da gioco rendendolo adatto anche all’hockey su pista.

Olindo Galli – il calcio

Al bando per hanno partecipato la Lupa Roma e la Tivoli 1919. Sembrerebbe certo, quindi, che i due posti disponibili siano assegnati a queste due società.

I primi, retrocessi dalla Lega Pro e non riammessi, stanno disputando il campionato di Serie D. La compagine ha indicato, al momento della domanda di iscrizione, l’Olindo Galli come terreno di gioco, ma è per lo più una formalità burocratica legata alla possibilità, tramontata, di tornare tra i professionisti.

Dopo i proclami di fine stagione, in cui a più riprese avevano manifestato l’intenzione di restare a Tivoli o rilevando la 1919 o, comunque, cambiando nome, in estate i vertici della Lupa Roma hanno fatto una mezza marcia indietro.

Il presidente, Salzano, in un’intervista rilasciata ad una testata specialistica della Lega Pro aveva dichiarato di voler restare a Roma, per la precisione al Francesca Giani di San Basilio, tanto per gli allenamenti quanto per le gare. Poi, invece, è arrivata la partecipazione al bando.

Di certo c’è che per la prima in casa della Lupa Roma, domenica 10 settembre, lo stadio non è agibile a causa dei lavori alla pista di atletica e, quindi, la gara contro l’Ostia Mare sarà sicuramente nella Capitale. Per il 24, contro il Cassino, si saprà se i romani si fermeranno un’altra stagione a Tivoli o se traslocheranno definitivamente a San Basilio.

Per quanto riguarda la Tivoli 1919, invece, lo stesso presidente Paolo Cicolani, al momento della presentazione a luglio dopo aver rilevato la società da Simone Solini, ha annunciato la volontà di fare dell’Olindo Galli la casa della prima squadra tiburtina. Per la Prima Categoria c’è comunque tempo, visto che il campionato inizierà ad ottobre.

Olindo Galli – l’atletica

Due soggetti hanno partecipato al bando, la Fidal (Federazione italiana di atletica leggera) ed un’altra società. L’assegnazione, quindi, è tutta da stabilire ma trattandosi direttamente della Federazione probabile che la struttura sia assegnata alla Fidal che poi potrebbe dividere gli spazi.

DAL COMUNE

“Stiamo cercando di creare una casa per tutte le associazioni – ha commentato Alessandro Baldacci, consigliere del Sindaco per lo Sport –. Stiamo lavorando per creare le basi per poter assicurare spazi per tutti. A Tivoli c’è una carenza di spazi, ora stiamo ristrutturando quelli esistenti e stiamo cercando di crearne di nuovi”.

 

(Dal nostro quindicinale XL ora in distribuzione)

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.