Incendi richiesto lo stato di calamità, a Vicovaro avviata la procedura1 min di lettura

1476
Incendi richiesto lo stato di calamità a Vicovaro
Incendi richiesto lo stato di calamità a Vicovaro

Incendi richiesto lo stato di calamità, a Vicovaro la giunta ha avviato le procedure. Dopo la drammatica estate, l’Amministrazione ha già ratificato in giunta la decisione ed inviato la richiesta al Presidente della Regione e all’Assessore all’Agricoltura della Regione Lazio, all’Agenzia Regionale di Protezione Civile e al Prefetto di Roma.

“In considerazione della grave situazione di emergenza – ha spiegato il sindaco di Vicovaro Fiorenzo De Simone – causata dagli incendi che hanno colpito diverse e vaste aree del territorio comunale durante la seconda metà del mese di agosto, alcuni dei quali, i principali e più pericolosi, hanno provocato enormi danni ai terreni e alle coltivazioni di ulivi e alberi da frutto, la Giunta Comunale ha avviato nei confronti della Regione Lazio le procedure di legge per il riconoscimento dello stato di calamità naturale a vantaggio del Comune, dei privati cittadini, delle colture agricole e delle attività produttive, zootecniche, artigianali e commerciali maggiormente coinvolte”.

“Pur sapendo – prosegue – che l’iter appena avviato è lungo e complicato e che l’esito della stesso non è affatto scontato (sono tanti i comuni del Lazio che hanno vissuto situazioni peggiori e che hanno subito le conseguenze più gravi), non potendo risarcire le persone del valore morale ed affettivo legato alla terra dei genitori, ereditata e lavorata da generazioni di vicovaresi, l’Amministrazione Comunale, così come è stata sempre presente nelle ore difficili degli incendi, coordinando e affiancando le squadre dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile, ritiene doveroso provare ad alleggerire i cittadini dal peso degli ingenti danni materiali subiti”.

 

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.