La mensa costa cara, protesta in piazza delle mamme1 min di lettura

1354

#NLCronaca – #GuidoniaMontecelio – Rincari fuori tempo massimo e poca chiarezza, le mamme di Guidonia Montecelio ieri mattina sono scese in piazza per manifestare contro il caro mensa. La protesta è stata promossa dal consigliuere del Pd Emanuele Di Silvio e dalla consigliera delle Pari Opportunità Michela Pauselli. Hanno aderito anche alcuni rappresentanti del M5S della Città dell’Aria. Presenti anche il capogruppo del Pd in Consiglio, Patrizia Carusi e la cocnsigliera Paola De Domicis. Al via la raccolta di firme. Sei le richieste.

 

LE RICHIESTE E LA RACCOLTA FIRME

Le mamme chiedono che per il calcolo della tariffa sia considerato anche il reddito e non solo l’Isee; chiedono di far tornare la tariffa della mensa a 429 euro come massimo importo, mentre le nuove tariffe l’hanno raddoppiato. Si chiede inoltre all’amministrazione la copertura totale del servizio per le famiglie con un reddito fino a 7.500 euro; di posticipare la data di presentazione del modello Isee al 31 agosto; di consentire il passaggio dal tempo pieno al tempo parziale e di dare informazioni sulle tariffe della mensa al momento dell’iscrizione a scuola. 

Testo da visualizzare in slide show