La notte nazionale del Liceo Classico 2021, partecipa l’istituto di Tivoli

156
blank

Finalmente, dopo i mesi dell’angoscia, dei silenzi, dell’alternarsi di fiducia e delusione, timidamente, si avverte un clima di ripresa: forse stiamo imparando a non farci sopraffare dal virus SARS. Ancora pesanti, terribili, i tributi che in tanti, troppi, continuano a pagare, nonostante gli sforzi e l’abnegazione di molti, ma stiamo iniziando a ri-pensare al futuro, ad un domani migliore. L’idea di avvenire non può che fondarsi sui ragazzi, sul loro sacrosanto desiderio di lasciarsi alle spalle tutto questo, sulla necessità, per tutti, che si riapproprino del loro mondo di relazioni, gesti, dialoghi, confronti.

In un tale momento di passaggio cade quest’anno, il prossimo 28 maggio, la settima edizione della NNLC. Da sempre una riflessione gioiosa, pungente e stimolante sul mondo dell’apprendimento delle materie alla base del nostro pensiero, da sempre condotta dai ragazzi e rivolta all’intero territorio, cosa ci proporrà quest’anno? Come?

Sottosopra! E’ la prima risposta: la locandina della manifestazione propone lo sguardo allucinato di una forzata della DAD, chiusa in una bolla, smarrita in un labirinto dal colore acido. Già una prima denuncia, forse. Si potrebbe scorgere nell’immagine una sintesi di due anni scolastici, segnati da un modello di apprendimento antitetico all’idea di istruzione-formazione, che è cammino dialogico, personale e collettivo insieme. O forse, più semplicemente, nella locandina c’è la voglia di mettere sottosopra il modello, che ha visto gli adulti parlare illimitatamente e gli studenti passivi? A ben vedere, però, dal labirinto escono indenni una farfalla e un’ape che si posano sì su uno schermo, ma alla base di tutto c’è un libro, il buon libro cartaceo, intitolato “eudaimonìa”: questa parola greca in genere viene tradotta  “felicità”, ma racchiude significati ben più profondi e complessi. Li scopriremo il prossimo 28, dalle 16 alle 20. Naturalmente in DAD! Canale you tube, Instagram e l’immancabile Meet…

Il Liceo Classico di Tivoli vi aderisce, per la quarta volta, prolungando la catena di iniziative letterarie, teatro, musica, versi, che da sempre lo ha visto protagonista. Gli studenti hanno scelto come tema “Contatti”: quelli delle piattaforme multimediali e dei canali social, quelli dei tracciamenti del contagio, quelli umani e fisici che tanto ci mancano e di cui vorremmo riappropriarci. Il programma prevede l’inizio e il termine assieme a tutti i Licei Classici d’Italia (quest’anno più di trecento) che vi aderiscono, e nel mezzo l’ormai famoso concorso poetico “Premio specchio”, ideato da uno studente qualche anno fa, cui hanno partecipato anche numerosi ragazzi delle scuole medie del territorio. A seguire, il pezzo del laboratorio teatrale tratto da “I giganti della montagna” di Pirandello e poi conversazioni dei docenti con gli studenti e con i visitatori virtuali, letture di Dante e Virgilio con intermezzi musicali. Link e indicazioni dettagliate sul sito del Liceo.

blank