La poesia: “Clone”

1442

Clone

Ner giorno de le nomine eccellenti,
tra video e foto de li dissidenti,
Sabaudia festeggiava er fondamento,
e l’Arma dichiarava:”so’ ducento”.

un po’ de zapping, quasi naturale,
tra la realtà de casa e ‘r virtuale.
Quand’ecco che se ferma ‘sta staffetta,
guardanno incuriosito la Gazzetta.

Questione d’importanza nazzionale:
se tratta dell’Azzuri e der Mondiale.
Articolo in home page pe’ da’ interesse,  
a l’inno scerto apposta a la kermesse.

T’aspetti da sto’ lancio sur giornale,
quarcosa che sia forte e origginale,
com’era capitato ggià ‘n passato,
cor disco de Nannini e de Bennato.

‘nvece tu lo vedi e già t’accorgi,
ch’è tutta ‘na furbata der Sangiorgi.
Un gruppo ch’è pugliese ma Arlecchino,
e rubba ‘n po’ da tutti, er nome è un vino.

Motivo ch’è n’ Amore così Granne,
pe’ quelli che so’ eroi, però in mutanne.
Canzone bella, so’ trentanni armeno,
che Villa la portava su a Sanremo.

E quello che me provoca amarezza,
è smania esistenziale de certezza.
Er campo pallonaro ormai è lo specchio,
d’Italia ferma che s’affida ar vecchio.

E vojo prenne a studio st’abiezione,
pe’ fa’ dell’accaduto ‘na lezione.
Si copierò da l’artri a profusione,
nun saro’ mai Artista, sempre Clone.

(#2emme1esse)

ispirata da…
 

http://www.youtube.com/watch?v=b6iyeZpNnTw&feature=kp

Testo da visualizzare in slide show


There is no ads to display, Please add some