La poesia di oggi: “Domani”

1352

DOMANI

Finita è la partita, la bici ar muro

“Stanotte solo, goduria de sicuro”

Ma l’ozio è bestia astuta, soridente

E guardi la tivvu, ma nun ce gnente.

Allora se fa spazio, cor silenzio attorno,

‘na cosa c’hai sentito l’artro giorno,

e come moda sempre più itagliana

la fonte è n’Università ammericana.

– Lo sai chi so’ le coppie più felici?

Quelle senza li fii, solo l’amici”

E qui tra er lucido e l’assonnato

Te fai:”ma quanno e chi hanno ‘ntervistato?”

Se er fio te piagne, ‘na sera d’’nferno

Si chiedono, bestemmi ar padreterno

E quelli che li fii poi nun ce l’hanno

Si glielo chiedi, de l’artri che ne sanno?

Nun è che passerò la notte ‘n bianco,

magari a mensa, tutto tiene banco…

E quanno pensi che questo c’abbia senso

È tardi e dormi:” Domani ce penso”

(2emme1esse)

Testo da visualizzare in slide show


There is no ads to display, Please add some