La poesia: “Libberazione”1 min di lettura

1226

Libberazione

Se dice che n’ Evento è ‘na situazione,
pe’ mette a posto ‘n po’ de riflessione.
pe’ valuta’ natura quanto è granne,
oppure fasse ‘n sacco de domanne.

Stavorta l’occasione der romano,
lo porteno li papi in Vaticano,
che pare d’esse ancora ar medioevo,
due da fa’ santi, in carica e coevo.

E ‘nsieme n’orda sacra de supplici,
venuti in tutti i modi, pure ‘n bici.
ma gnente fino a qui ce sta de novo,
dacchè San Pietro è sempre ‘n ber ritrovo.

è che ce casca appresso de san marco,
ch’è laica festa e tutti annamo ar parco.
o mejo anna’ tranquilli è l’intenzione,
pe’ fasse ‘n giro a la Libberazione.

ma no, lo sai che devi stare attento,
che tutto è fatto per l’avvenimento.
e scatta pronta la municipale,
seguenno er propio santo manuale.

I viggili, se sa, so’ latitanti,
ma mai nell’occasioni più ‘mportanti.
Anticipanno er tutto de du’ ggiorni,
te bloccheno le strade nei dintorni.

Vietato, nun sostate, circolare,
inducheno de fatto a scappa’ ar mare.
e pure in un’olimpica deserta,
pe’ fa le multe stanno sempre allerta.

volere e non poter è frustrazione,
e quinni pongo a tutti sta questione:
perchè se deve esprime sempre er peggio,
bloccanno anche er diritto der parcheggio?

è questo è proprio quello che detesto,
che ‘r residente è peggio der foresto.
e che chi resta, data l’affluenza,
sia martire novo della Resistenza.

(#2emme1esse)

Testo da visualizzare in slide show