L’autista-controllore piace ai passeggeri del Cotral1 min di lettura

280

Il servizio, che prevede il controllo obbligatorio del titolo di viaggio da parte dell’autista al momento della salita dalla porta anteriore del mezzo, e’ partito in via sperimentale a marzo 2018 sul 10% delle corse, poi a gennaio scorso e’ stato esteso a tutti i capolinea Cotral e ora da giugno l’autista-controllore e’ operativo in tutte le fermate delle linee Cotral. Il servizio, nel primo quadrimestre 2019, ha prodotto un incremento del 60% delle vendite dei biglietti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e un incremento di 4 punti percentuali degli abbonamenti Metrebus Lazio. E a crescere non sono solo le entrate, i maggiori controlli piacciono anche all’utenza. A Roma, tra gli stalli del capolinea Anagnina, sono in molti ad esprimere soddisfazione: “Sono assolutamente d’accordo- racconta una signora in partenza- Cosi’ sono tutti costretti a fare il biglietto”. “Bene cosi’- aggiunge un altro passeggero- almeno i soliti furbetti non possono salire sul mezzo”. E alla domanda se si noti o meno una differenza nella qualita’ del servizio rispetto a prima dell’introduzione dell’autista-controllore, anche in questo caso i passeggeri concordano: “Si’ il servizio e’ migliorato”. E poi la migliore conclusione: “Abbiamo gli autobus nuovi, si vede che che ora finalmente pagano tutti”. (ag. Dire)

 

 

 

 

2019062602156101632.MP4

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.