Le opere di Giovanni Crescenzi, pittore e scultore nativo di Cineto Romano2 min di lettura

2149

A grande richiesta, dal 3 al 12 gennaio 2013 la galleria espositiva Baccina 66 esporrà nuovamente le opere di Giovanni Crescenzi, pittore e scultore nativo di Cineto Romano.
L’esposizione, incentrata su tele a olio e acrilico che hanno permesso all’artista di ottenere gli incoraggiamenti di Giacomo Manzù e Vittorio Sgarbi, ma anche numerosi e prestigiosi riconoscimenti nazionali e internazionali, sarà nuovamente visitabile nel mese di gennaio.

La produzione di Crescenzi è sincera e affonda nei primi segni grafici rupestri. In ogni quadro e bassorilievo sembra voler rappresentare paesaggi e situazioni rimasti fermi e intatti nel tempo. Scene di vita campestre, paesaggi armonici nei quali è rara la presenza dell’uomo, spesso sostituita dal più fedele cavallo. La sua pittura è lo sguardo semplice e ingenuo di chi non si rassegna alla scomparsa di un mondo, di uno stile di vita, e ne fissa sulla tela gli elementi più rappresentativi.
Il colloquio con la natura diviene intimo, si nutre di tenui sfumature cromatiche, di riflessi leggeri e ombre appena accennate. “Ritraggo tutto ciò che è naturale – afferma Giovanni Crescenzi – e non sopporto ciò che non è al proprio posto, mi sento male a guardare Picasso, mentre amo Van Gogh. Una cosa è bella quando è naturale”. Più incisive, invece, le opere scultoree in legno. Qui la mano dell’artista scava con sapienza creando un effetto tridimensionale. Protagonista quasi assoluto ancora il cavallo, simbolo di un armonia con la natura che il mondo moderno ha irrimediabilmente perduto.
Evento realizzato con i Patrocinii del Comune di Cineto Romano e della Provincia di Roma

Tutti i giorni dalle 15.00 alle 21.00 nella galleria di Via Baccina 66
Ingresso Gratuito

Evento realizzato con i Patrocinii del Comune di Cineto Romano e della Provincia di Roma
www.baccina-66-roma.it
http://www.facebook.com/events/446498932052818/
e- mail info: [email protected]

Testo da visualizzare in slide show