Mostre: Adolfo Scalpelli, soldato e pittore al Museo Civico di Tivoli1 min di lettura

1202
Adolfo scalpelli Tivoli 29.VI.1888 - Kolibek 23.VIII.1917

Verrà inaugurata sabato 20 alle ore 16,30 presso il Museo Civico della Città di Tivoli in piazza Campitelli, la mostra su Adolfo Scalpelli, pittore tiburtino nato nel 1888 e morto giovanissimo durante la prima Guerra mondiale nel 1917 a Bainsizza allievo di Ettore Roesler Franz. La mostra promossa dal Comune di Tivoli – Assessorato alla Cultura e Turismo, è stata proposta e curata da Carlo Bernoni (con la preziosa e costante collaborazione della moglie Carla Narducci) e coordinata da Maria Antonietta Tomei, consigliere del Sindaco per i Musei civici. Il Museo sarà aperto con ingresso libero fino al 31 gennaio 2019 con i seguenti orari: dal Martedì al Sabato ore 15 – 18 – Domenica e festivi ore 10 – 13 e 15 – 18, lunedì chiuso.

La Vita (Tivoli 29.VI.1888 – Kolibek 23.VIII.1917 ) – I suoi genitori desideravano farne un buon artigiano e così lo iscrissero alle scuole tecniche che frequentò con profitto. Interessato alle arti figurative, però, attirò l’attenzione di Ettore Roesler Franz che, accortosi delle ottime capacità del giovane, consigliò alla famiglia di affidarglielo. Fu così che Scalpelli, approfittando dei soggiorni tiburtini del maestro, cominciò ad apprendere con grande umiltà ma con altrettanta costanza le prime nozioni della pittura, “rubando” a poco a poco al grande acquerellista, i segreti del mestiere. Il Franz fu prodigo di consigli e di raccomandazioni, così come scrisse, nell’abbondante corrispondenza intercorsa, il 29 dicembre del 1903: «io mi aspetto molto da te, perché so purtroppo a quali immense difficoltà si va incontro nella carriera da te intrapresa, molte delle quali bisogna assolutamente sormontare adesso che sei giovane e più presto non si può».