Olio di Villa Adriana, il 3 la presentazione a TiVolio all’Ercole Vincitore

553
Olio di Villa Adriana, la raccolta di mercoledì 8 novembre
Olio di Villa Adriana, la raccolta di mercoledì 8 novembre

Olio di Villa Adriana, domenica 3 dicembre la presentazione al Santuario d’Ercole Vincitore. Per l’occasione il Tempio diventerà per un giorno il centro della produzione olearia della provincia di Roma con la prima edizione di TiVolio.

La manifestazione, organizzata dall’Istituto Autonomo Villa Adriana e Villa d’Este, mira a promuovere una stretta relazione con il territorio, con le realtà sociali e le strutture economiche legate all’agricoltura di qualità.

Dall’Istituto VaVe

Obiettivo riunire produttori e consorzi “afferenti al mondo dell’olivicultura in un complesso monumentale che ha vissuto ininterrottamente per duemila anni: il Santuario di Ercole Vincitore. Herakles aprirà per la prima volta le porte del Santuario ai coltivatori di olivi e a quanti desiderano degustare, acquistare e apprendere le tecniche di produzione e di riconoscimento delle qualità di questo nobile prodotto”.
“Gli antichi – proseguono dall’Istituto – spazi che hanno visto scambi commerci transito di persone e di greggi, si ripropongono oggi come luogo di esposizione e commercializzazione di oli evo, derivati alimentari e per il benessere, piante, strumenti specialistici, testi professionali, ecc. Analogamente la cultura dell’olio sarà promossa anche attraverso una serie di conferenze che spaziano dai modi di produzione antichi a quelli rinascimentali, analizzano le provenienze delle diverse varietà, fino a giungere alle valutazioni sulle doti alimentari e sull’analisi della qualità e della degustazione, con una prova pratica”.

Il Direttore Bruciati

“L’Istituto e le sue quattro strutture non sono un arcipelago disgiunto dal territorio – afferma il neo Direttore Andrea Bruciati – ma, al contrario, si propongono quali luoghi di eccellenza per la formazione di un dibattito formativo, volto allo sviluppo sociale delle comunità che vi afferiscono. Cerchiamo perciò di promuovere interventi che abbraccino l’intera filiera produttiva agroalimentare perché si tratta di siti monumentali dalla natura anfibia, dalla grande bellezza artistica e dall’incomparabile valore paesaggistico. Vorrei che l’Istituto fungesse pertanto da enzima per stimolare una nuova politica di crescita ed un cambio di mentalità: in questo senso non vedo contraddizioni nel porre in produzione l’uliveto di Villa Adriana, di cui presenteremo una prima spremitura simbolica proprio durante questa manifestazione al Santuario. Crediamo fortemente e in maniera sentita su questo appuntamento che, mi auguro, diventerà vetrina internazionale di eccellenza nel settore in pochi anni grazie ad un’azione congiunta fra Enti e associazioni preposte”.

“Riteniamo infatti basilare – prosegue Bruciati – in un’area geografica così articolata e ricca di biodiversità, promuovere una strategia ecocompatibile che investa, con un approccio morbido e lento, in una riappropriazione dei luoghi per un rispetto delle radici e delle peculiarità che connotano il territorio”.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here