Ovulatori arrestati, due spacciatori africani arrestati1 min di lettura

1787
Ovulatori in manette, avevano ingoiato ovuli di eroina
Ovulatori in manette, avevano ingoiato ovuli di eroina

Ovulatori arrestati nella periferia est di Roma. I carabinieri della compagnia di Tivoli hanno fermato altri due pusher africani che hanno cercato di fuggire all’arresto ingoiando gli ovuli con la droga. Ormai i fermi di questi spacciatori sono saliti a circa 15 casi in pochi mesi.

COSA SONO GLI OVULATORI

Gli spacciatori, nel tentativo di passare inosservati e passare indenni i controlli, tengono la droga in bocca mentre la vendono. Appena vedono avvicinarsi le forze dell’ordine inghiottono tutto. In questo modo, però, mettono a repentaglio la propria vita. Se uno degli ovuli si rompesse andrebbero subito in overdose.

GLI OVULATORI ARRESTI

In manette sono finiti altri due africani, entrambi portati in ospedale per controlli. A tutti e due i medici, con la Tac, hanno trovato gli ovuli nell’apparato digerente. Uno, un giovane di 23 anni del Mali, ha già “espulso” 4 ovuli per un totale di 5 grammi di eroina ed è finito in cella. L’altro, invece, è ancora piantonato nel nosocomio in attesa che si “liberi” dello stupefacente.

Entrambi i rifugiati sono stati fermati tra Corcolle e Finocchio.