Approvato il piano per le emergenze di Tivoli, il precedente aveva 14 anni1 min di lettura

1840
Piano per le emergene di Tivoli
Piano per le emergene di Tivoli

Approvato il nuovo Piano per le emergenze di Tivoli. Il documento, che costituisce l’insieme delle procedure operative di intervento da attuare al verificarsi di un evento calamitoso, è stato votato lunedì sera e sostituisce il precedente vecchio di 14 anni. A breve forniremo i rischi individuati nei vari quartieri della Città e le aree di raccolta.

Il Piano d’emergenza di Tivoli e si basa sulla conoscenza delle condizioni di pericolosità e dei conseguenti rischi che investono il territorio comunale. Pertanto il piano rappresenta lo strumento a disposizione del Sindaco per effettuare con tempestività un’azione di primo intervento e per fornire, successivamente, alle componenti operative comunali e sovracomunali, una pianificazione capace di consentire la gestione dell’emergenza con rapidità e razionalità.

Inoltre il Pec, contenendo le informazioni tecnico-scientifiche afferenti ai rischi individuati, permette di effettuare le azioni di prevenzione finalizzate alla eliminazione o mitigazione dei rischi anche attraverso finanziamenti nazionali e regionali previsti dalla vigente normativa.

“Il piano approvato ieri rappresenta uno strumento fondamentale per la sicurezza dei cittadini e per tutte le azioni di protezione civile, sia per la prevenzione sia in caso di emergenza – ha dichiarato il Sindaco Giuseppe Proietti -. Nei prossimi giorni avvieremo tutte le attività per informare i cittadini sui contenuti del piano, compresi i corretti comportamenti da adottare in caso di terremoti, incendi, esondazioni, allagamenti e altre calamità. Saranno organizzate anche delle esercitazioni, affinché ognuno sappia bene cosa fare in caso di emergenza. E’ un altro importante obiettivo raggiunto tra quelli compresi nel nostro programma amministrativo. Ringrazio, per l’ottimo lavoro svolto nella redazione del piano, il Consigliere del Sindaco per la protezione civile Andrea Di Lisa e i progettisti di Geolapa, i geologi Alfredo La Chioma e Stefania Pallucci e gli ingegneri Valentina La Chioma e Giovanni Trinetti”.