Ponte Lupo, una rassegna di visite guidate ed incontri nell’Agro Romano Tiburtino Prenestino

110

Prenderà il via il 24 luglio la 2a edizione del festival PONTE LUPO E I GIGANTI DELL’ACQUA, rassegna di visite guidate ed incontri in uno dei luoghi più significativi dell’Agro Romano Tiburtino Prenestino, organizzata dall’Associazione Ponte Lupo – il Gigante dell’Acqua in collaborazione con il FAI Roma, promosso dal comitato delle aziende agricole per il Distretto Archeologico Rurale, con il contributo del Circolo delle Colonne e della Auto Royal Company.

“Siamo sempre qui, sentinelle del territorio, a presidiare i nostri monumenti, e quest’ultima parte di Agro Romano Antico ancora integra, per proteggerli da progetti speculativi e discariche attraverso azioni di resistenza culturale” così Urbano Barberini, direttore artistico della rassegna e presidente dell’Associazione che da anni si batte per il territorio ad est di Roma. Per far conoscere meglio le bellezze dell’Agro Romano Tiburtino Prenestino e la grandiosità di Ponte Lupo, straordinario esempio di ingegneria idraulica, da qualche anno, l’ex assessore alla cultura di Tivoli si è proposto come guida gratuita per accompagnare i visitatori in questo angolo di campagna romana incontaminata, dove si erge il colossale frammento dell’acquedotto dell’Acqua Marcia risalente al 144 a.C..

“Solo lo sviluppo di un’economia sana e sostenibile, basata sulla sinergia tra le aziende agricole, custodi del paesaggio, e i beni culturali e naturali, può tutelare e valorizzare un territorio come questo. Il percorso dei Giganti dell’Acqua può diventare il fiore all’occhiello di questo ambizioso progetto. Abbiamo la fortuna di essere uno dei Comuni agricoli più grandi d’Europa, ma gli agricoltori e gli amanti del paesaggio sono lasciati sempre più soli dalle istituzioni a difendere i territori. Da qui – continua il principe-attore – nasce l’idea del Distretto Archeologico Rurale Tiburtino Prenestino, e di questo Festival, per cercare di unire le forze e difendere i nostri valori identitari. Per questo noi agricoltori di zona ci siamo anche costituiti ad opponendum nel ricorso al TAR fatto da una delle società che vuole fare la discarica vicino a Villa Adriana, e siamo in attesa della sentenza. Da anni ci battiamo in prima linea per scongiurare questo scempio, e continueremo a farlo fino a quando la politica non si renderà conto che non si può fare una discarca in un’area tanto preziosa. Siamo molto felici della collaborazione con il FAI – Fondo Ambiente Italiano, iniziata lo scorso anno con le giornate di primavera, perché condividiamo la stessa passione per la salvaguardia del paesaggio e dell’ambiente, tanto mortificati nel nostro Paese. Anche quest’anno l’eco-festival, radicalmente nature, non utilizzerà corrente elettrica e plastica, infatti anche le sedie sono sostituite dalle ballette di fieno”.

“La Delegazione di Roma del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano è anche quest’anno particolarmente orgogliosa, e onorata, di contribuire al Festival di Ponte Lupo con il generoso apporto dei propri volontari narratori, che accompagneranno le visite. Essi offriranno la straordinaria testimonianza della sapienza costruttiva e tecnologica di Roma Antica e del paesaggio incomparabile che le rovine di quei manufatti formano oggi assieme all’elemento naturale. Un unicum che affascina noi oggi come gli artisti e gli scrittori del Grand Tour. Un luogo incomparabile, la cui integrità è stata, ed è ancora purtroppo, minacciata da interventi edilizi inadeguati e inopportuni, come il progetto di discarica in una vicina ex-cava che ancora incombe. Anche per scongiurare simili minacce il FAI è vicino all’Associazione nella difesa e nella conservazione di questo patrimonio irripetibile” – così il presidente FAI Lazio Giuseppe Morganti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla voce dei volontari del FAI si unirà anche quella degli artisti che sostengono il progetto, come U.M. Passeretti, che anche quest’anno ha realizzato il manifesto originale. La rassegna di incontri, a cura di Urbano Barberini, aprirà il 24 luglio a Ponte Lupo con Gian Antonio Stella che presenterà il suo nuovo libro “Battaglia perse. Montanelli ambientalista rimosso”. Sempre a Ponte Lupo interverranno: il 30 luglio Paolo Calabresi, autore del libro “Tutti gli uomini che non sono”; il 31 luglio, per l’omaggio a Franca Valeri “In memoria di una signora amica”, Pino Strabioli, Sabina Guzzanti, Paola Minaccioni, Cinzia Mascoli, Orsetta De Rossi. Il 5 agosto si terrà una passeggiata tra storia e cultura alla scoperta dei luoghi segreti dell’Agro Romano con Luigi Plos, il più famoso esploratore dei dintorni della Capitale, che presenterà il suo nuovo libro “L’avventura fa 90. I luoghi segreti a due passi da Roma non sono finiti”.

 Il festival riprenderà poi il 15 settembre con il Premio Strega Edoardo Albinati  e Francesca d’Aloja che presenteranno il loro libro “Vite in Sospeso” che racconta la loro missione con l’UNHCR lungo la rotta balcanica.

 

Il 17 settembre, a Ponte della Mola nel Comune di San Gregorio da Sassola, si terrà un incontro su I Giganti dell’Acqua, testimoni della grande civiltà di Roma a cura dell’archeologo della Soprintendenza Zaccaria Mari, sempre in prima linea per la difesa di questi luoghi. Il 18 settembre dopo la visita a Ponte Lupo seguirà una lezione di yoga con meditazione “Il Ponte dell’Anima” guidata da Margherita Peruzzo, che ci porterà ad esplorare il significato profondo della costruzione di un ponte, una delle opere più grandiose che l’uomo abbia mai realizzato, destinata a segnare inevitabilmente cambiamenti nell’ambiente in cui si inserisce e nelle persone che vi interagiscono, e il cui significato resta immutato nei secoli: unire due parti in origine divise. Il festival chiuderà il 24 settembre con l’incontro con Nello Trocchia che, dopo il grande successo della scorsa edizione, presenterà in anteprima un capitolo del suo nuovo libro “Pestaggio di Stato”.

L’Associazione ha lanciato anche una petizione https://www.change.org/p/presidente-della-regione-lazio-nicola-zingaretti-no-alla-discarica-di-porta-neola-vicino-villa-adriana che ha già superato le 6600 firme a favore del distretto archeologico rurale dell’Agro Romano Tiburtino Prenestino e per dire No alla discarica.

Per info e prenotazioni [email protected] – faiprenotazioni.fondoambiente.it

 

 


There is no ads to display, Please add some