Rapina con le “gocce dello stupro”1 min di lettura

1167

#NLTivoli #NLCronaca –  Narcotizzato e rapinato dopo aver dato un passaggio, brutta avventura per un 51enne di Tivoli vittima della “droga dello stupro”. Grazie ad un mix di sostanze psicoattive l’uomo è stato messo “ko” per qualche ora e dopo non ha ricordato nulla di quel lasso di tempo. Così all’uomo hanno rubato portafoglio e catenina d’oro, martedì a Villa Adriana, e si è accorto del furto il giorno dopo. Ora la polizia del commissariato di Tivoli è alla caccia dei due ladri-truffatori.

Stando al racconto dell’uomo, L’uomo stava percorrendo la Tiburtina quando ha visto una coppia aspettare il bus alla fermata vicino ai Vigili del Fuoco. Non si sa bene se lui si sia fermato o se i due gli hanno fatto qualche cenno. Lui, comunque, gli avrebbe detto che stava andando verso via Galli e la coppia gli ha chiesto un passaggio perché anche loro andavano in quella direzione. Arrivati sul posto, per sdebitarsi, i due hanno tirato fuori una bottiglia di caffè e dopo averne bevuto, o dopo aver fatto finto di bere, ne hanno offerto anche alla vittima. Nel caffè, però, c’è il coktail di droghe che l’hanno stordito.

L’uomo dopo qualche ora è tornato a casa, molto stanco e provato tanto che è andato subito a letto. L’indomani mattina il malessere persisteva e la moglie ha deciso di portarlo al pronto soccorso. In quel momento è stato scoperto il furto. Una volta all’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli, poi, gli sono state fatte le analisi del sangue per riscontrare le tracce di eventuali sostanze ma, visti i sintomi, i medici hanno subito indicato la droga dello stupro. 

Testo da visualizzare in slide show