Regionali/ Roma, Adriano Palozzi(FI) apre la campagna elettorale al Brancaccio

941
Nella foto Adriano Palozzi (FI)

Regionali/ Roma, Adriano Palozzi(Fi) apre la campagna elettorale al Brancaccio. Partecipa Stefano Parisi. Sabato 3 febbraio, a partire dalle ore 10.30, Adriano Palozzi, candidato di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio in vista delle elezioni del 4 marzo prossimo, apre la campagna elettorale al Teatro Brancaccio, in via Merulana 244, a Roma. “Il 4 marzo prossimo si voterà per il rinnovo del Consiglio regionale e ho scelto di candidarmi per mettere nuovamente a disposizione dei cittadini del Lazio la mia esperienza di amministratore pubblico – spiega Adriano Palozzi in una nota -. Il momento politico, ma anche sociale ed economico, della nostra regione è molto complesso e delicato: le inefficienze del centrosinistra alla guida della Regione Lazio e le carenze dei grillini al governo della Capitale, hanno prodotto disaffezione e sfiducia, e indebolito nel profondo il rapporto tra amministratori e cittadini. Credo, quindi, che per il centrodestra sia giunto il momento di colmare questo vuoto e ridare speranza ai cittadini: ci poniamo come l’unica alternativa credibile e forte all’inconsistenza amministrativa del Partito Democratico e alla demagogia politica del Movimento 5 Stelle”. All’apertura di campagna elettorale di Adriano Palozzi interverranno, tra gli altri, il candidato presidente della Regione Lazio per il centrodestra, Stefano Parisi, e il candidato di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio, Laura Cartaginese, in “tandem” elettorale con Adriano Palozzi. All’iniziativa è prevista la partecipazione di autorevoli esponenti politici e istituzionali: Antonio Tajani, Maurizio Gasparri, Francesco Aracri, Claudio Fazzone, Davide Bordoni, Alessandra Mussolini, Renata Polverini, Erder Mazzocchi, Giorgio Simeoni, Alessandro Battilocchio.

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.