A rischio 6 milioni di finanziamenti per la nuova strada, la decisione alla Soprintendenza2 min di lettura

1305

#NLCronaca #NLGuidonia – Grandi opere a rischio nella Città dell’Aria, una decisione della Soprintendenza del Lazio e dell’Etruria meridionale rischia di far cancellare il finanziamento da 6 milioni di euro per il collegamento viario Selciatella Tor-Mastorta. Lungo il tracciato della nuova strada, infatti, è stata ritrovata una necropoli. I sondaggi preliminari archeologici non avevano evidenziato quasi nulla invece durante i lavori, iniziati un anno fa, è stato effettuato l’importante ritrovamento.

Dal Municipio, ora, hanno chiesto una risposta alla nuova soprintendente Alfonsina Russo che ha già ricevuto, la scorsa settimana negli uffici del Ministero, il sindaco Eligio Rubeis. La decisione sarà tra “vincoli puntuali” e “vincoli diffusi”. “La nuova Soprintendente – hanno spiegato in una nota da Palazzo Guidonia – ha chiesto tempo per valutare le carte e non ha escluso di prendere parte personalmente ad un sopralluogo nell’area già nei prossimi giorni. Il cantiere è quello della Selciatella, fermo da tempo per permettere agli archeologi di effettuare ulteriori scavi dopo il ritrovamento di importanti reperti archeologici. L’area, è noto, è oggetto di un piano di riqualificazione finanziato con 6 milioni di euro dai Fondi plus della Comunità europea che prevede la realizzazione di una viabilità denominata Selciatella Tor-Mastorta”.

“I cantieri hanno preso il via un anno fa, e proprio durante le operazioni di sbancamento sono riemersi i reperti. Il tracciato della nuova strada di fatto non è modificabile, se la comparsa di vincoli particolarmente estesi dovesse obbligare l’amministrazione a rimettere mano al progetto, l’intera opera sarebbe a rischio definanziamento europeo, per altro già ampiamente anticipato a vario titolo con fondi comunali. Eppure, dai saggi preliminari di scavo, quelli che hanno vincolato il progetto definitivo dell’opera, di archeologico su quell’area era apparso poco o niente, il grosso dei ritrovamenti è invece emerso solo a cantieri avviati”.

Ora sul progetto incombe “una spada di damocle che ha spinto il sindaco Eligio Rubeis all’incontro con la Soprintendente, per confermarle come il Comune sia a totale disposizione del ministero per i Beni culturali nel cercare soluzioni che valorizzino i ritrovamenti archeologici senza mettere a rischio gli stanziamenti di un’opera così importante, che per le sue peculiarità di indubbio interesse per la viabilità tutta del quadrante a nord est della provincia di Roma ha ottenuto i finanziamenti europei. L’amministrazione già in questi mesi ha sostenuto economicamente il lavoro degli archeologici, finanziando con oltre 200mila euro le operazioni di scavo e conservazione dei reperti emersi”. 

Testo da visualizzare in slide show