Nuovo segretario del Pd di Tivoli, eletto con una mozione unica Piero Ambrosi2 min di lettura

3613
Nuovo segretario del Pd di Tivoli, Piero Ambrosi, con il segretario uscente Alessandro Fontana
Nuovo segretario del Pd di Tivoli, Piero Ambrosi, con il segretario uscente Alessandro Fontana

Nuovo segretario del Pd di Tivoli, eletto con una mozione unica Piero Ambrosi.

Già sindaco di Tivoli, consigliere comunale ed assessore provinciale, Ambrosi, 60 anni funzionario regionale, ora si appresta a guidare il Partito democratico in un periodo delicato. Nell’arco di neanche 20 mesi si voterà per le elezioni politiche, regionali e comunali. Tre appuntamenti quanto mai sentiti nel Pd tiburtino.

“Il ‘mio’ Pd. Se gli altri studiano, dobbiamo studiare di più. Se gli altri lavorano, noi dobbiamo lavorare di più. La frase non è mia, è di Benigno Zaccagnini, di diritto un padre ispiratore del Pd” così ha commentato a caldo Ambrosi.

Il Pd e Tivoli

“Abbiamo un grande programma politico: dimostrare di voler bene a Tivoli e ai tiburtini – prosegue il neo segretario –. Vogliamo dar voce a quanti si vogliono battere per una comunità unita, solidale ed operosa. Dobbiamo rigenerare Tivoli con idee, suggerimenti, esperienze. Vogliamo competere sul piano degli obiettivi ambiziosi e delle cose vissute”.

Il ruolo della Città

“Tivoli – prosegue il neo segretario – è parte viva della Città metropolitana e deve essere motore delle politiche di crescita e d’integrazione dell’area vasta. Nei campi del lavoro, dell’offerta abitativa, del turismo e dei servizi, la città deve incrementare qualità ed opportunità per i giovani e per i nuovi residenti”.

Il Pd ed i tiburtini

“Ai cittadini, tiburtini e non, diciamo che in una città come la nostra non tutti hanno la possibilità di conoscersi, ma tutti debbono riconoscersi nella pratica di valori, doveri e diritti. Il Pd attraverso iscritti ed eletti aprirà ancor di più le porte agli elettori ed a persone appassionate e competenti e a quelli che non varcheranno le soglie delle nostre sedi andremo a bussare a casa, nel quartiere, nell’associazione cosi come saremo noi a cercare rappresentanze sociali, corpi intermedi, ceti professionali, testimoni del volontariato. Questa città ha bisogno di tutti ed il Pd non ce la vuole fare da solo”.

La coalizione

Tra i primi punti della nuova segreteria, già fissati dalle varie componenti del Pd al momento di scegliere la via della mozione unica, è quella di riportare le lancette a prima del 1999 quando il centro sinistra tiburtino era unito e correva insieme alle elezioni.

“Abbiamo iniziato da qualche anno a pensare ad un centrosinistra largo e diverso, di forze politiche e di gruppi autenticamente civici, sorretto da una visione avanzata e innovativa dello sviluppo economico e della rete di sicurezza sociale”.

Le basi del nuovo progetto

Uno sguardo allargato e che fonda su esempi di buona politica “Se pensiamo ad esempi di buona politica, non dobbiamo andare lontano. Basta rileggere la storia umana, politica e civile di Ezio Fiorenzi, una vita spesa per Tivoli, per gli altri, per il bene comune”.

“A me che non rappresento la novità – conclude Piero Ambrosi –, è stata data un’avvincente opportunità: promuovere il rinnovamento del partito e della vita pubblica. Il vero Congresso inizia domani. E sarà un lungo incontro di popolo”.