Settecamini, il volume è troppo alto, lite tra condomini sfiora la tragedia1 min di lettura

1206

Settecamini-Lunghezza – Dopo l’ennesima lite causata dal volume troppo alto del televisore due condomini romeni sono finiti alle mani ed uno di loro ha estratto un coltello col quale ha ferito in pieno petto l’altro: arrestato. La vittima invece, dopo aver subito un delicato intervento, è in prognosi riservata.

E’stata una chiamata anonima a far intervenire i militari della Stazione di Roma Settecamini che sono arrivati tempestivamente all’uscita di un palazzo in zona Lunghezza. Lì hanno trovato, riverso a terra ed in un lago di sangue, un giovane romeno di 26 anni. La vittima, ancora cosciente, è riuscito a dare qualche indicazione ai militari che, dopo essersi assicurati dell’arrivo del 118, si sono messi subito alla ricerca dell’aggressore. L’uomo, un connazionale di 23 anni, è stato rintracciato all’interno del suo appartamento e ha cercato maldestramente di fornire un finto alibi. Le sue dichiarazioni però sono risultate contraddittorie, le testimonianze e le tracce sui suoi vestiti, già infilati in lavatrice, hanno permesso agli uomini dell’Arma di identificarlo come l’autore dell’accoltellamento. Per lui si sono così aperte le porte del carcere di Roma Rebibbia.

Testo da visualizzare in slide show