Si alla riforestazione del bosco del Fauno di Tivoli Terme

285

La riforestazione del bosco del Fauno di Tivoli Terme sarà presto una realtà. Fra i tre lavori selezionati e proposti da Città metropolitana di Roma Capitale nell’ambito del bando di gara indetto nel 2019 dall’allora ministero dell’Ambiente con il cosiddetto “Decreto clima” approvati dal ministero della Transizione ecologica il 9 luglio scorso c’è la riforestazione del bosco del Fauno di Tivoli Terme, al quale sono destinati 496mila euro. Gli altri progetti finanziati sono nell’ordine: la forestazione urbana a Pietralata e la forestazione urbana a Torre Spaccata del IV e del VI municipio di Roma, tra i quali si pone, in seconda posizione, il progetto tiburtino.

L’obiettivo generale del bando ministeriale è incrementare la densità arborea nelle zone ad alta concentrazione abitativa e restituire alle città aria più pulita e un ambiente naturale sano e salutare per i cittadini che le vivono, grazie alla creazione di boschi urbani, polmoni verdi fondamentali per trasformare alcune aree incolte e degradate vicine alle periferie cittadine in aree verdi e in tale modo contribuire a contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici nei microclimi locali (ad esempio mitigare le ondate di calore estive) per una migliore qualità della vita. Complessivamente i tre progetti ricoprono una superficie di circa 30 ettari per un valore totale di poco meno di 1,5 milioni di euro (circa 500mila euro per singolo progetto) e prevedono – oltre alla messa a dimora di alberi e arbusti – anche la realizzazione di opere accessorie necessarie per rendere quelle aree accessibili e fruibili.

 

Il progetto tiburtino di riforestazione del bosco del Fauno – elaborato su proposta degli assessori Nello Rondoni (Quartieri, bandi e finanziamenti) ed Eleonora Cordoni (Politiche ambientali), con il supporto importante dell’ufficio Europa e del settore Ambiente (nella persona del dirigente Vincenzo Maia), e con la collaborazione del consigliere del sindaco per il rimboschimento, Alessandro Modesti – cambierà il volto dell’intera area. Prosegue, in questo modo, la forte azione di riqualificazione delle aree degradate della città avviata già sei anni fa con la chiusura della “baraccopoli” nel complesso ex polverifici Stacchini, dove si erano insediate negli anni 548 persone nomadi, tra cui anche numerosi bambini e minori.

 

 

 

«La riforestazione del bosco del Fauno approvata dal Mite nasce per cercare d’incentivare una crescita armoniosa tra comunità e ambiente in un’area molto problematica», spiega Cordoni. Si vuole finalmente restituire un’area ai cittadini che potranno così fruirne tramite percorsi cicli pedonali e aree di sosta. Tra i punti prioritari del progetto ci sono: la tutela della biodiversità; l’aumento della superficie verde sul territorio; la rimozione degli inquinanti e il miglioramento del benessere dei cittadini. Un miglioramento da raggiungere con azioni concrete, tra le quali c’è proprio lo studio d’interventi da realizzare tramite finanziamenti ad hoc, un obiettivo volutamente perseguito per lavorare al meglio e dare all’area di Tivoli Terme lo giusto sviluppo. Questo obiettivo è stato raggiunto grazie al lavoro di squadra dei vari settori e uffici comunali. L’area del bosco del Fauno, ricca di potenzialità anche se molto critica, con il rimboschimento cambierà aspetto, diventando finalmente accessibile a tutti. Abbiamo circa 120 giorni di tempo per portare a termine il progetto esecutivo di riforestazione che non resterà isolato».

LA SCHEDA DEL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE TRA RIMBOSCHIMENTO E AREE LUDICHE

L’importo complessivo è di 496.534 euro. La superficie di rimboschimento del bosco del Fauno riguarda otto dei circa 10 ettari di estensione e prevede il rimboschimento dell’area compresa tra le cave di travertino e le sorgenti delle Acque Albule. Il territorio interessato risulta inserito in un contesto urbano diffuso e discontinuo, che si è sviluppato disordinatamente tra il basso corso del fiume Aniene, il distretto delle cave di travertino, la via Tiburtina, la bretella autostradale, la ferrovia Roma-Pescara e l’abitato di Guidonia. Dal punto di vista paesaggistico la zona è caratterizzata da un forte degrado e l’area proposta per l’intervento, viste anche le sue valenze storiche ed evocative, ha una forte potenzialità per diventare un nucleo centrale di riqualificazione per l’intero abitato di Tivoli Terme e l’adiacente Villalba di Guidonia. L’area oggetto d’intervento di rimboschimento risulta suddivisa in due zone, di cui la prima, destinata anche a funzioni ludico-ricreative, sarà riqualificata con piante adulte di dimensioni tali da fornire un​ “pronto effetto”, mentre l’altra sarà destinata a un intervento di rimboschimento tipico.

Il rimboschimento sarà facilmente accessibile da via Cesare Augusto, e sarà percorribile attraverso un sentiero principale in terra battuta decorrente da sud verso nord. Non ne è prevista la protezione mediante recinzioni (che peraltro già esistono lungo tutto il perimetro) in modo che sin da subito sia evidente la funzione sociale dell’area e sia subito disponibile per la popolazione. L’area ludica e ricreativa a disposizione della comunità locale sarà composta da panchine in legno, altalene per i bambini, area pic-nic e percorsi salute rispettando la sentieristica presente. Il suo accesso è garantito dai sentieri già esistenti, che verranno conservati e valorizzati, mentre nelle immediate vicinanze saranno collocati dei porta-biciclette con “reggi ruota” a disposizione dei visitatori. Va ribadito che il progetto di rimboschimento, oltre a soddisfare le finalità del “Programma sperimentale per la riforestazione urbana”, fa parte di una proposta più ampia che abbraccia anche il recupero di un’area verde abbandonata in prossimità di spazi urbanizzati che abbia finalità sociali. L’obiettivo è fare in modo che la comunità, vivendo l’area così riqualificata, partecipi alla sua conservazione e contribuisca a difenderla dall’incuria. Per la difesa del sito è previsto un sistema di telecamere perimetrali che aiuti a evitare che l’area diventi preda di vandalismi e attività illegittime.