Sindaco contro Acea Ato 2, da Vicovaro battaglia contro i disservizi4 min di lettura

2028
Chiusura ufficio Acea
Chiusura ufficio Acea

Sindaco contro Acea Ato 2, a Vicovaro il primo cittadino Fiorenzo De Simone e l’Amministrazione Comunale “dichiarano guerra” ai disservizi.

In considerazione di quanto accaduto negli ultimi tempi, stanno prendendo il via una serie di iniziative concrete nei confronti di Acea Ato 2.

SINDACO CONTRO ACEA ATO 2    

Il primo atto della battaglia è una dura missiva inviata da De Simone al presidente del consiglio d’amministrazione di Acea Ato 2, Paolo Sacconi.

“Egr. Presidente – si legge nella lettera del Sindaco contro Acea Ato 2 –, le scrivo allo scopo di evidenziare, per l’ennesima volta, il forte disagio che la comunità di Vicovaro, a cominciare dall’Amministrazione Comunale, deve subire a causa delle problematiche quotidiane relative ai numerosi guasti e disservizi occorsi agli impianti e alla rete idrica comunale.

Come dimostrano le decine di chiamate alla Sala Operativa e le innumerevoli segnalazioni poste all’attenzione dei vostri uffici, oltre alle pesanti e continue perdite idriche in vari punti del territorio comunale, che condizionano negativamente l’andamento regolare del servizio, negli ultimi due anni, ripetuti, quanto semplici e prevedibili, guasti di natura elettromeccanica agli impianti di pompaggio, hanno più volte lasciato a secco i rubinetti del Paese (siamo ormai arrivati ad una media di una volta al mese).

In particolare, per la seconda volta in soli 18 mesi (Maggio 2015 e Novembre 2016), infiltrazioni di fango e terriccio all’interno delle condotte idriche causate dal maltempo, hanno reso per una settimana inutilizzabile l’acqua erogata, con conseguente interruzione dei servizi, anche essenziali, quali la chiusura dei plessi scolastici, degli impianti sportivi comunali e la sospensione delle normali attività didattiche ed extra scolastiche previste all’interno di quelle strutture.

La causa evidente – si legge nella lettera del Sindaco contro Acea Ato 2 – di quanto sopra rappresentato è sicuramente riconducibile alla scarsa attenzione mostrata nei confronti delle richieste avanzate e alla mancata realizzazione di soluzioni tecniche alla rete e agli impianti esistenti, già ampiamente discusse e condivise con i vari responsabili nominati dal Gestore, finalizzate all’adeguamento e alla necessaria messa in sicurezza degli stessi, e ciò in palese violazione degli obblighi di servizio ricadenti su Codesta Società di gestione.

Per questi motivi, fortemente irritati per il grave danno d’immagine arrecato al sottoscritto e all’intera Amministrazione Comunale e stanchi di essere sottoposti alle legittime critiche di una opinione pubblica giustamente stremata e frustrata da una cronica incapacità di gestione sia dell’ordinario che delle emergenze da parte di Codesta Società, operante oltretutto in posizione dominante ed esclusiva nel settore idrico integrato, Le torno a chiedere risposte certe ed immediate, in grado di alleviare i disagi della popolazione e risolvere, almeno nei casi più significativi, le principali problematiche segnalate nel tempo.

Si denuncia, altresì, la violazione della Carta dei Servizi di cui Codesta Società si è dotata e si richiama l’attenzione del Socio di maggioranza, nonché del servizio dei controlli interni, a vigilare sull’operato gestionale degli apparati amministrativi e tecnici per verificarne la rispondenza ai livelli standard di qualità dei servizi offerti, richiesti dalla normativa nazionale e comunitaria vigente in materia.

Questa Amministrazione Comunale, anche alla luce del mandato ricevuto dal Consiglio Comunale (Delibera N. 14, del 28.03.15), che impegna il Sindaco e la Giunta Comunale a conferire un incarico legale per un’attenta verifica dei termini e delle condizioni previste dalla “Convenzione per l’affidamento, ai sensi della legge 5 gennaio 1994, n. 36, del Servizio Idrico Integrato dell’Ambito Territoriale Ottimale 2 Lazio Centrale – Roma”, sottoscritta il 6 agosto 2002 presso la sede dell’ex Provincia di Roma (il Verbale di Consegna del Sistema Idrico Integrato risale al 21.12.2005 e fu sottoscritto dall’allora Vice Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici Cesare Fabri in nome e per conto del Comune di Vicovaro), in caso di mancato riscontro a quanto richiesto con i punti che precedono, si vedrà costretta, a denunciare i disservizi alle autorità competenti, con particolare riferimento alle continue interruzione di pubblico servizio non supportato dalle garanzie di tutela dei livelli minimi delle prestazioni essenziali.

La invito pertanto a porre in essere qualsiasi attività volta alla risoluzione di problemi lamentati e comunque, nell’immediato, gradirei acquisire contezza del piano di investimenti che ACEA ATO 2 S.p.a. intende realizzare sul Sistema idrico integrato del Comune di Vicovaro.

Nel ringraziarLa anticipatamente, porgo cordiali saluti.

Vicovaro, Giovedì 17 Novembre 2016

IL SINDACO
Fiorenzo De Simone”

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.