Sotterravano l’amianto invece di smaltirlo: denunciati 4 imprenditori

1414

Montelibretti, invece di smaltire il pericoloso amianto secondo le procedure di legge lo sotterravano in un campo con tanto di vinvolo paesaggistico in località Carolano: denunciati quattro imprenditori agricoli.

Per loro le accuse sono di “concorso in deposito incontrollato di rifiuti speciali, gettito pericoloso di cose e alterazione di terreno sottoposto a vincolo paesaggistico”.

LE INDAGINI
Sono stati Carabinieri della Stazione di Montelibretti, con la collaborazione del personale del Nucleo Operativo Ecologico di Roma del Comando Carabinieri Tutela dell’Ambiente, a denunciare a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli 4 imprenditori residenti nella Sabina Romana – titolari di una società impegnata nel campo dell’agricoltura – che avevano sotterrato, in un campo di proprietà dell’azienda, 15 metri cubi di Eternit frantumato e contenente amianto precedentemente utilizzato come copertura di tre capannoni della ditta.

I militari, avuta notizia di questo delitto contro l’ambiente, si sono immediatamente mossi per verificare sul posto quanto segnalato: avuta la certezza dell’interramento del pericoloso materiale, i Carabinieri hanno inoltrato un’informativa a carico dei 4 imprenditori, due uomini e due donne.

L’AREA E’ STATA SEQUESTRATA
L’intera area rurale, salvaguardata dai militari e sottratta ad un sicuro inquinamento potenzialmente nocivo all’uomo ed alla natura, è stata sequestrata insieme alle lastre di Eternit, materiale che verrà trattato per il successivo procedimento di smaltimento.

Testo da visualizzare in slide show