Stalker in manette a Castel Madama1 min di lettura

1354

Telefonate minatorie in tutte le ore del giorno, e della notte, scritte diffamatorie sui muri davanti all’abitazione, ma anche appostamenti e minacce, a Castel Madama finisce in manette uno stalker. La vita dell’ex compagna di un operaio, A.M. incensurato, di 40 anni era diventata da due anni un vero e proprio incubo.
La denuncia di un suo parente, però, la salva dall’inferno creato dal molestatore. L’uomo non si era mai rassegnato alla fine della loro relazione, e da quando lei lo aveva lasciato lui l’ha torturata in ogni modo. Anche i parenti, gli amici, ed i colleghi di lavoro della donna sono stati coinvolti dalle manie persecutorie dello stalker.
Dopo la denuncia, i carabinieri della stazione di Castel Madama hanno avviato le indagini, sentendo diversi testimoni tra cui la stessa vittima. Il Gip del tribunale di Tivoli ha concordato pienamente con le risultanze investigative dei militari castellani ed ha ordinato una misura di custodia cautelare nei confronti dell’uomo che ora si trova agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

Testo da visualizzare in slide show