Suicida il boss della droga di Tivoli e Guidonia, trovato senza vita nel suo letto d’ospedale Giacomo Cascalici

17622
Giacomo Cascalisci Cosa Nostra Tiburtina, maxi operazione dei carabineiri di Tivoli
Giacomo Cascalisci Cosa Nostra Tiburtina, maxi operazione dei carabineiri di Tivoli

Era il capo della banda che gestiva lo spaccio tra Tivoli e Guidonia Montecelio.

Domenica sera è stato trovato senza vita, nel letto di un ospedale a Torino, Giacomo Cascalisci considerato il capo della maxi banda che da anni operava nelle piazze di spaccio dell’hinterland tiburtino. Cascalisci dal carcere era stato portato, già da qualche giorno, all’ospedale Molinette dove, dopo aver consumato la cena, si è tolto la vita.

Stando a quanto riferito dal Sape, sindacato autonomo di polizia penitenziaria, “aveva partecipato alla normale attività e non aveva dato alcun segno di squilibrio”.

La notizia è arrivata direttamente dal Sindacato della Polizia Penitenziaria e ripresa da diverse testate.

Fermato in Spagna latitante di Tivoli, era scappato dalla finestra

 

Giacomo Cascalisci, durante la prima maxi operazione del 2014 condotta dalla polizia del commissariato di Tivoli, era fuggito appena gli allarmi della sua villa-reggia all’Albuccione avevano dato l’allerta.

Il boss si era accorto dell’arrivo dei poliziotti e si era allontanato in mutande. E’ stato poi ritrovato in Spagna, dove si era rifugiato per la latitanza.

Alla prima maxi operazione di quattro anni fa (Leggi la notizia) ne era seguita una seconda lo scorso 9 marzo per opera dei carabinieri della compagnia di Tivoli. Nella rete dei carabinieri erano finite 39 persone, tra cui lo stesso Giacomo Cascalisci. Leggi qui

Cosa Nostra tiburtina, sgominata la “Cooperativa” dello spaccio di Tivoli e Guidonia Montecelio

Le intimidazioni ai Carabinieri

Durante le indagini per la seconda operazione i componenti della banda avevano capito di essere finiti nel mirino dei militari.

A quel punto, anziché rallentare la prese, la banda ha iniziato a pensare a come intimidire gli inquirenti.

Nessuno dei progetti è andato in porto ma, comunque, le vedette della gang avevamo cominciato a pedinare le forze dell’ordine per risalire alle abitazioni e, quindi, minacciarne le famiglie ed incendiarne le autovetture.

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.