Tares a Tivoli: al via rate e scuse dal Comune per il caos2 min di lettura

1433

#NLEconomia – Tante scuse per il caos F24 e rateizzazione delle bollette, il Comune di Tivoli interviene sulla vicenda Tares con due comunicati sul suo portale.

SCUSE
“Continuano a pervenire segnalazioni – hanno scritto dall’Amministrazione Comunale – da parte di cittadini che non hanno ancora ricevuto gli avvisi per il pagamento della seconda rata TARES, la cui scadenza è fissata per il 16 dicembre 2013. I contribuenti che non hanno ancora ricevuto l’avviso, possono recarsi presso l’ASA SpA – Ufficio TARES – sito in piazza del Comune n. 3, che provvederà a fornire la stampa del modello F24 precompilato utile per effettuare il versamento. Ci scusiamo con la Cittadinanza per il disguido”.

RATEIZZAZIONE
Indicazioni e moduli per rateizzare il salto Tares 2013 sono disponibili sul sito del Comune, in base all’importo varia il numero dei pagamenti.
“Considerato il momento di crisi che ha imposto difficili condizioni economiche alle famiglie, considerato altresì il sovrapporsi di scadenze riferite a più imposte, l’Amministrazione Comunale ha ritenuto dare la possibilità, a quei cittadini che dovessero trovarsi in difficoltà per il versamento del saldo TARES 2013, di rateizzare l’importo dovuto”.
Per gli importi da 100 a Euro 1.000 euro (esclusa la maggiorazione dovuta allo Stato) ovvero la somma riportata sul modello di pagamento unificato F24 nel primo rigo della sezione “motivo del Pagamento” (codice tributo 3944)”, il versamento può essere effettuato in 2 rate, di uguale importo, con scadenza 16/12/2013 e 16/01/2014”.
Per gli importi superiori a Euro 1.000 (esclusa la maggiorazione dovuta allo Stato) ovvero la somma riportata sul modello di pagamento unificato F24 nel primo rigo della sezione “motivo del Pagamento” (codice tributo 3944)”, il versamento può essere effettuato in 4 rate, di uguale importo, con scadenza 16/12/2013; 16/01/2014; 16/02/2014 e 16/03/2014”.
“In caso di importo superiore a euro 5.000 la rateizzazione è possibile solo dietro presentazione da parte del contribuente di idonea garanzia degli obblighi assunti, mediante polizza fideiussoria o fideiussione bancaria, che copra l’importo complessivo”.

COME FARE
Nella prima rata del 16 dicembre bisognerà, comunque, pagare la maggiorazione dovuta allo Stato.
“Va compilato un nuovo modello di pagamento unificato F24 (reperibile negli uffici postali o negli istituti bancari), in cui nel primo rigo della sezione “motivo del Pagamento” (codice tributo 394 4)” va riportato l’importo della rateizzazione richiesta e nel secondo rigo (codice tributo “3955”) l’intero importo della maggiorazione dovuto allo Stato. Per la seconda, terza o quarta rata devono essere compilati altri modelli F24 riportando esclusivamente il codice “3944” e l’importo della rateizzazione richiesta, entro le scadenze indicate”.
“La richiesta di rateizzazione dovrà essere inoltrata utilizzando il modulo predisposto disponibile presso gli uffici dell’ASA spa, Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Tivoli o scaricabile sul sito internet http://www.comune.tivoli.rm.it. Il modulo per la rateizzazione potrà essere inviato all’ASA spa Piazza del Comune, 3 – Ufficio TARES, anche successivamente alla scadenza della prima rata (16/12/2013) e comunque non oltre il 10 Gennaio 2014. La rateizzazione non comporterà nessun onere aggiuntivo ai contribuenti”.

Il comune di Tivoli, palazzo San Bernardino

Testo da visualizzare in slide show