Tivoli: Consiglio Comunale si al regolamento attività, no allo streaming3 min di lettura

234

Nella seduta di lunedì 30 novembre il Consiglio comunale di Tivoli ha modificato all’unanimità, integrandolo, il “Regolamento per l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande” approvato nel 2009, modifiche che comporteranno delle significative innovazioni per le attività commerciali di piccole dimensioni. Le integrazioni si sono rese necessarie in mancanza dell’emanazione dei regolamenti di attuazione dell’articolo 78 del Testo unico del commercio approvato dalla Regione Lazio nel novembre scorso, il quale prevede che i Comuni definiscano i requisiti necessari all’apertura, all’ampliamento o alle modifiche strutturali dei locali da destinare alla somministrazione, con particolare riferimento alle modalità di smaltimento dei fumi senza immissioni in atmosfera. In mancanza di una regolamentazione regionale specifica, dunque, il Comune ha provveduto alle integrazioni, che prevedono – tra le varie novità – l’introduzione per la prima volta di soluzioni tecnologiche innovative. Il regolamento, prodotto dalla IV commissione (Traffico e commercio) e presentato dal presidente Gabriele Terralavoro (“Tivoli mia”), presidente della IV commissione (Traffico e commercio) amplia la preesistente e attuale norma, secondo la quale “tutti i punti che determinano emissione di vapori o fumi, prodotti della combustione derivante da operazioni di cottura o  riscaldamento di cibi  devono  essere dotati di sistemi di aspirazione di fumi e vapori, canalizzati in canne fumarie con sbocco ad almeno un metro sopra il colmo del tetto. In caso di presenza di finestre nel raggio di dieci metri, l’espulsione deve essere portata almeno un metro oltre il filo superiore delle finestre più alte”. La modifica apportata oggi consentirà, per espellere i fumi e abbattere gli odori nelle situazioni in cui non fosse possibile dotarsi di tali tradizionali sistemi, di realizzare “sistemi di depurazione innovativi la cui documentazione tecnica, conforme agli standard normativi, dimostri la validità del processo di depurazione”.

Il Consiglio comunale ha poi approvato la proposta di deliberazione sul “Riconoscimento di legittimità dei debiti fuori bilancio” proposta e presentata dall’assessora al Bilancio Maria Rosaria Cecchetti, e la mozione sul tema “Insediamento accampamenti in via dei Bagni Vecchi” presentata dal consigliere comunale di “Cittadini in movimento” Maurizio Conti. Tale ultima mozione “impegna il sindaco a farsi promotore nei confronti del prefetto delle problematiche che interessano soprattutto la zona di Tivoli Terme e Villalba di Guidonia, per attivare urgentemente un tavolo di concertazione con Roma città metropolitana e con il limitrofo Comune di Guidonia”. A Bagni si verificano, infatti, come riporta anche la mozione, insediamenti abusivi di persone che vivono in stato di degrado e in corrispondenza dei quali si verificano incendi e abbandoni di rifiuti. La presenza di questi insediamenti inoltre, limita lo sviluppo corretto e secondo legge del piano urbanistico generale.Il Consiglio comunale ha, infine, respinto la mozione sul tema “Streaming delle commissioni consiliari in videochiamata” presentata dai consiglieri comunali di “Una nuova storia”, Francesca Chimenti e Giovanni Mantovani. Nella mozione i consiglieri chiedevano che il sindaco s’impegnasse a far sì che le sedute delle commissioni consigliari in videochiamata, conferenza dei capigruppo compresa, si trasmettessero in streaming sul canale youtube del Comune di Tivoli o su canali specifici. La mozione è stata respinta perché al momento non si dispone dell’opportuna tecnologia infrastrutturale informatica e del personale qualificato che dovrebbe occuparsi dello streaming di più commissioni contemporaneamente, in modo dedicato. Tuttavia nel corso della discussione si è ipotizzata la possibilità di registrare e poi pubblicare in un secondo momento le sedute delle commissioni in videochiamata sul canale youtube del Comune di Tivoli. Possibilità che sarà successivamente vagliata.