Tivoli: “Le giornate del travertino” al Museo della città3 min di lettura

163

Dopo più di un anno dal suo allestimento all’interno del Museo civico domenica 27 settembre si chiude la mostra “Lapis Tiburtinus, la lunga storia del Travertino”, allestita sui tre piani del Museo della Città dal maggio 2019.

La mostra, curata dalla consigliera del sindaco per i musei civici Maria Antonietta Tomei, e da Fabrizio Mariotti della Mariotti e figli s.p.a., ha ricevuto grande apprezzamento sia dai visitatori, sia dalla critica ed è stata un’occasione di grande rilievo per rimarcare il ruolo del travertino nella storia di Tivoli. Anche se questo materiale – famoso in tutto il mondo per il suo millenario e versatile utilizzo nelle costruzioni, nella scultura, nei rivestimenti, nelle pavimentazioni e così via – viene estratto in diverse altre regioni italiane, la maggiore quantità e la migliore qualità sono ancora oggi quelle del Lapis tiburtinus di Tivoli e di Guidonia. Si conclude, dunque, un’esposizione importante che illustra – in un percorso storico che va dagli utilizzi nell’epoca romana ai giorni nostri – le caratteristiche di un elemento da sempre importante volano anche per l’economia del territorio.

 

L’amministrazione comunale, non avendo potuto, a causa del Covid, realizzare  a marzo il “Mese del travertino” dedicato in particolare alle scuole, con visite guidate, percorsi didattici e conferenze, ha voluto, nell’ambito delle manifestazioni del “Settembre tiburtino”, concludere la mostra con una tre giorni specifica che si svolgerà nel complesso dell’Annunziata, sede del Museo della Città.

 

PROGRAMMA:

 

Venerdì 25 settembre: presentazione della ristampa del catalogo della mostra “Lapis tiburtinus. La lunga storia del travertino”, ore 17, ex chiesa dell’Annunziata (piazza dell’Annunziata). Interverranno:  il sindaco di Tivoli Giuseppe Proietti; il professore di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana all’Università di Roma “La Sapienza” Fausto Zevi; la consigliera del sindaco per i Musei civici Maria Antonietta Tomei e Fabrizio Mariotti della Mariotti e figli s.p.a. Dopo i saluti e l’introduzione del sindaco, saranno proiettati due brevi filmati: un estratto della video-visita guidata alla mostra realizzata dall’amministrazione comunale e un filmato sull’estrazione e la lavorazione del travertino, a cura della  Mariotti e figli s.p.a). Gli ingressi saranno contingentati nel rispetto delle norme anti Covid-19. Durante la presentazione del volume, il Museo di città resterà aperto (h 15-19).

 

Sabato 26 e domenica 27 settembre: visite guidate all’interno del Museo della città, in via Campitelli, a cura di studiosi e curatori del catalogo, dalle 10 alle 19 (ingresso gratuito).

 

«Dopo i lunghi mesi di quarantena causati dall’epidemia da Sars-cov-2, l’amministrazione comunale – pur  rispettando le limitazioni e le regole imposte per bloccare il contagio – torna a far rivivere la cultura, uno dei settori più penalizzati  dall’emergenza sanitaria», spiega Tomei, che ha curato il catalogo insieme al professor Roberto Borgia della Società tiburtina di Storia e d’Arte). «La mostra nasce come un excursus nel mondo del travertino rivolto non soltanto ai visitatori esterni e agli studiosi, ma anche ai tiburtini. L’amministrazione comunale, in particolare, ha voluto rivolgersi agli studenti affinché, visitando le sale espositive, venissero a contatto e si riappropriassero di una parte della storia della loro comunità. A tal proposito è importante ricordare che all’interno del museo definitivo della città di Tivoli rimarrà, come parte integrante dell’offerta museale, una sezione dedicata al Lapis tiburtinus e alla sua storia. Un ringraziamento va a tutti gli autori, che hanno fornito gratuitamente i testi per il volume, e a Ubi Banca che ha contribuito finanziariamente alla ristampa del volume».

 

Una copia del catalogo sarà distribuita – insieme al dvd con i filmati – ai rappresentanti delle scuole, alle associazioni, agli istituti culturali e alle società del travertino che hanno contribuito alla realizzazione della mostra.

 

Nel rispetto delle prescrizioni governative e per una maggiore tutela anti Covid-19 si prega di dare gentile conferma di partecipazione all’e-mail: [email protected].