Tornano le Giornate del Patrimonio nei musei e nei luoghi della cultura statali

454
LICENZA Villa di Orazio

Tornano sabato 24 e domenica 25 settembre, in Italia, le GEP – Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days), la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa promossa dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea. Nelle due giornate, visite guidate, aperture straordinarie, iniziative digitali saranno organizzate nei musei e nei luoghi della cultura statali e non, seguendo il tema “Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro”. Inoltre, sabato sera sono previste aperture straordinarie dei musei statali con ingresso al costo simbolico di 1 euro (escluse le gratuità previste per legge). Il calendario degli eventi è costantemente aggiornato cultura.gov.it/GEP2022

CON ORAZIO NEI LUOGHI DI CAMPAGNA DI ORAZIO

Evento promosso dalla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma e per la provincia di Rieti in collaborazione con i Comuni di Licenza, Vicovaro e Cineto Romano e con il Parco Naturale Regionale Monti Lucretili In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2022 verranno illustrati ai visitatori la Villa di Orazio a Licenza, incastonata nello splendido scenario naturale dei Monti Lucretili (l’amoenus Lucretilis), e alcuni “Luoghi oraziani” nei dintorni.

Sabato 24 si inizierà con la visita al complesso monumentale S. Cosimato-Eremi di S. Benedetto, lungo l’antica Via Valeria, che, oltre a custodire la memoria del fondatore dell’Ordine Benedettino e Patrono d’Europa, aiuta a rievocare l’immagine della Valle dell’Aniene all’epoca del celebre poeta lirico latino. La visita proseguirà, quindi, a pochi chilometri di distanza, nell’Area archeologica della Villa, donata ad Orazio da Mecenate nel 33-32 a.C. e divenuta rifugio prediletto ove coltivare l’ospitalità e l’otium letterario. L’ambientazione e i luoghi circostanti saranno illustrati come si presentavano nell’antichità attraverso la lettura di passi significativi delle opere oraziane. Dalla Villa ci si trasferirà, infine, al Museo Oraziano di Palazzo Orsini, nel centro storico di Licenza, che espone i preziosi reperti rinvenuti durante gli scavi del 1911-14. Questi e il rapporto della Villa con il territorio saranno oggetto di una conferenza con video-proiezione. Domenica 25 il programma sarà incentrato sulla Villa, ma comprenderà anche la visita all’Antiquarium Comunale “Giovanni Battista Ulisse” di Cineto Romano, borgo medioevale situato ad alcuni chilometri da Licenza, onde approfondire il contesto territoriale di età preromana e romana in cui si inserì la Villa. Informazioni: 0774/46031 (Comune di Licenza); 338-9566506, [email protected]

 

VILLA D’ESTE, VILLA ADRIANA, ERCOLE VINCITORE

Tornano sabato 24 e domenica 25 settembre le GEP – Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days), la più estesa e partecipata manifestazione culturale d’Europa. Nelle due giornate l’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este – VILLÆ organizza visite guidate, iniziative speciali e aperture straordinarie sul tema: Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro. Oltre a ciò presso i Mouseia di Villa Adriana è visitabile la terza parte della mostra Vita Nova: arte in Italia alla luce del nuovo millennio, una ricognizione sull’arte italiana nei due decenni che hanno caratterizzato il cambio di secolo dal 1990 al 2010. In occasione di quest’ultimo episodio espositivo, alla sezione di videoarte dello spazio Kaleidoscope, si aggiunge dal 23 settembre, presso i Mouseia di Villa Adriana, una selezione di opere provenienti dalla prestigiosa Collezione Sandretto Re Rebaudengo, tra le prime fondazioni private aperte in Italia, vero e proprio osservatorio sulle tendenze artistiche e i linguaggi culturali del presente.

 

 

MENTANA;  CACCIA AL TESORO

Domenica 25 settembre Caccia al tesoro cittadina per scoprire in modo giocoso e divertente luoghi, persone e sapori di Mentana e conoscere il nostro patrimonio culturale. Un gioco urbano a tutti gli effetti in cui il patrimonio storico, culturale ed enogastronomico di Mentana è il vero protagonista! Al termine del percorso, i partecipanti potranno visitare un vero e proprio “mercato” dei prodotti tipici locali e cenare presso i ristoranti del territorio a km zero con menù dedicati all’evento. Il gioco è adatto ad ogni target, adulti, bambini, famiglie. E’ necessario formare una squadra da un minimo di 2 persone ad un massimo di 6. Il punto di partenza ed il ritrovo delle squadre è alle ore 10 presso i giardini dell’ara-ossario garibaldino (via della Rocca n. 2, Mentana). Durata del gioco: circa 2 ore. Info 0690969407 [email protected]

RICOSTRUIRE IL PASSATO della CHIESA DEL GESU’

La Diocesi propone una mostra, in collaborazione con l’IIS Publio Elio Adriano-Liceo Artistico di Tivoli dal titolo “Ricostruire il perduto”. È un progetto condotto negli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022 dagli alunni delle classi IV-V C e V F degli indirizzi Figurativo e Multimediale del Liceo Artistico, seguiti dai docenti Lucrezia Rubini, Giovanni Borgia e Carlotta Leoni. La chiesa del Gesù è stata distrutta dai bombardamenti del 26 maggio 1944 e non ci sono pervenute fotografie. A partire dalle schede, manoscritte e prive di foto, che Alessio Valle produsse, tra il 1924 e il 1926 – prima dei bombardamenti – conservate presso il Centro di Documentazione della Soprintendenza speciale per i beni storico-artistici e antropologici di palazzo Venezia a Roma, gli studenti hanno realizzato immagini, anche con tecniche artistiche “povere” (acquarelli, tempere, disegni su fogli di carta) dei quadri e delle suppellettili della chiesa, al fine di poter rendere anche visivamente questo patrimonio. La ricostruzione di una “visita” virtuale nei vari ambienti, riprodotti in 2D, ha completato il progetto. La riproduzione delle immagini, rielaborate sulla base della descrizione presente nei manoscritti del Valle, ripropone in modo solo suggestivo, e non scientifico, ciò che non può più essere restituito nella sua integrità. Chiesa di San Vincenzo Piazza San Vincenzo – Tivoli

AREA ARCHEOLOGICA GABII

Apertura straordinaria dell’area archeologica di Gabii in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio. Domenica 25 settembre, la Soprintendenza Speciale di Roma, diretta da Daniela Porro, apre al pubblico l’area archeologica. L’antico abitato di Gabii si inserisce nello scenario dei grandi centri laziali di epoca protostorica e rientra, unitamente a Tibur e Praeneste, tra le città che controllavano la bassa valle dell’Aniene e gli accessi alla valle del Sacco e del Liri, costituendo pertanto un epicentro politico e culturale di fondamentale rilevanza nel Latium vetus prima dell’ascesa di Roma. Via Prenestina km 19,300 – Roma.


There is no ads to display, Please add some