Tra agosto e settembre si scriverà il futuro delle Acque Albule3 min di lettura

1931
Lo stabilimento delle Acque Albule ed il Victoria Terme Hotel di Tivoli Terme
Le Terme Acque Albule di Tivoli

Un mese per scrivere la storia delle terme di Tivoli, tra agosto e settembre in consiglio comunale si deciderà il futuro delle Acque Albule. Entro Ferragosto, prima, si dovrà ratificare la scelta della giunta di estendere di 12 anni la sub concessione delle acque termale alla società partecipata, al 60%. Poi, a settembre, si entrerà nel vivo e all’ordine del giorno dell’assise finirà la scissione della società con il socio privato.

L’uso delle acque termale

A meno di un anno e mezzo dalla scadenza prevista della sub-concessione dello sfruttamento della risorsa termale alla società Acque Albule, la giunta ha prorogato la scadenza al 2031 quando scadrà anche la concessione regionale al Comune.

“E’ una decisione – ha commentato il sindaco Giuseppe Proietti – volta a non deprezzare il valore della società di cui il Comune detiene il 60% delle azioni. Le Acque Albule, senza la sub concessione, valgono molto di meno e quindi è stata fatta questa scelta per mettere in sicurezza i risparmi della cittadinanza tiburtina attraverso il consolidamento della società. Convocheremo entro la prima metà di agosto il consiglio comunale per votare la delibera, già sono stati consegnati gli atti ai consiglieri”.

Le Acque Albule si faranno carico del pagamento della concessione regionale, circa 70 mila euro, con un’aggiunta del 10%.

“La possibilità di tale rinnovo – spiegano dal Municipio – è prevista dall’ordinamento che regola le concessioni idrico-termali ed è resa ancor più pregnante in virtù della prevalente proprietà pubblica della società Acque Albule. Tale scelta è motivata altresì dall’obbligo di legge di alienare la partecipazione degli enti locali a società di gestione di servizi non essenziali da erogarsi alla popolazione: in mancanza del rinnovo della sub-concessione la partecipazione comunale da alienare verrebbe anch’essa deprezzata, con grave danno all’erario pubblico”.

La piscina della Spa delle terme Acque Albule
La Spa delle terme Acque Albule

La scissione delle Terme

Il consiglio comunale agostano sarà solo un’anticipazione di quello, che si prospetta ben più infuocato, di settembre quando si entrerà nel merito del futuro delle Acque Albule. “Ai primi di agosto – ha aggiunto il Sindaco – daremo ai consiglieri tutto il materiale sull’accordo raggiunto con il socio privato in merito al futuro delle Acque Albule. A settembre, poi, entreremo nel merito e ne discuteremo in consiglio comunale. Sono oltre due anni che stiamo trattando. Gli enti locali non possono avere, per legge, partecipazioni in società di gestione che non eroghino servizi essenziali alla popolazione. E le terme non sono un servizio essenziale”.

In quest’ottica si inquadra la trattativa condotta per definire il destino delle terme tiburtine. Un destino su cui pende, ad oggi, la scure del tribunale di Tivoli chiamato ad esprimersi su un ricorso presentato dal socio di minoranza che, facendo leva sugli accordi siglati con il Municipio, voleva imporre al Comune il riacquisto delle sue quote. Una maxi operazione che costerebbe al Comune tra i 12 ed i 16 milioni di euro.

Piscine delle terme Acque Albule
Piscine delle terme Acque Albule

Cosa prevede l’accordo

“Per grandi linee – ha annunciato Giuseppe Proietti – il risultato di questi due anni di trattative è che il Comune dovrebbe mantenere il titolo di proprietà dello stabilimento, e non la gestione. Il Municipio, poi, incasserebbe un canone, annuale, per l’affitto”. L’accordo, comunque, scriverebbe la parola fine anche ad una lunga serie di cause cominciate dopo il 2001, quando il Comune prese la decisione di privatizzare parzialmente la società.

“Prima le terme – ha concluso il Primo Cittadino – perdevano circa 2 miliardi di lire l’anno, soldi che il Municipio doveva ripianare. Oggi ci sono utili annui per circa 240-250 mila euro, dopo questo accordo l’Ente dovrebbe incassare molto di più”.

Lascia un commneto

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.