Un convegno e cinque petizioni, Progetto Tivoli chiama a raccolta i tiburtini1 min di lettura

1444

Tivoli vista dai cittadini, con un microfono in mano i tiburtini hanno dipinto e descritto la loro città. L’iniziativa è stata promossa dalla lista civica Progetto Tivoli e, alla luce dell’affluenza di pubblico, ha riscosso il gradimento della gente.
Spaziando dalle problematiche del commercio con le soluzioni proposte dai negozianti di Tivoli Impresa, passando per lo stato delle società municipalizzate sono stati toccati poi un po’ tutti i problemi, anche piccoli, della città. Con l’occasione sono state anche lanciate cinque petizioni che la lista civica porterà avanti.
Spiccano due richieste all’insegna della “trasparenza” per ottenere, dopo tanto tempo, la ripresa televisiva e la registrazione radiofonica delle sedute del consiglio comunale e la pubblicazione dei redditi dei consiglieri comunali, del sindaco, degli assessori e dei nominati alla guida delle società partecipate. Un’altra petizione sarà proposta da Progetto Tivoli per introdurre le agevolazioni sui tributi e sulle tariffe locali a favore delle famiglie numerose, poi per far eseguire l’Inno di Mameli all’inizio di ogni seduta del consiglio comunale, ma anche per costituire (come previsto dal regolamento del consiglio comunale) i consigli di quartiere – prevedendo che da parte del comune non ci siano spese.
“Ci sono stati molti interventi interessanti – ha commentato Andrea Napoleoni – e le tante persone che hanno partecipato hanno dimostrato molto interesse per gli argomenti trattati. Sono venute molte persone che non conoscevo e diversi ragazzi”.

Testo da visualizzare in slide show