Verso il PNRR: approvate tre risoluzioni dal Consiglio Regionale Lazio

354
FL2 Roma - Pescara

Il Consiglio Regionale del Lazio, presieduto dal presidente Marco Vincenzi, si è riunito in apposita sessione europea per trattare tutti gli aspetti inerenti la politica dell’Unione Europea e ha approvato le tre risoluzioni presentate: disposizioni sulla partecipazione alla formazione e attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione europea e sulle attività di rilievo internazionale della Regione Lazio; iniziative per il raggiungimento dell’obiettivo europeo per l’azzeramento del consumo di suolo annuale entro il 2050; iniziative per il raggiungimento degli obiettivi europei sulla qualità dell’acqua destinata al consumo umano e sulla riduzione della dispersione idrica.

“Una sessione molto importante, quella di quest’anno, dove una parte fondamentale è costituita dagli interventi che la Regione Lazio ha proposto di inserire nel PNRR, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Si tratta di progetti che contribuiranno a rendere la nostra Regione sempre più moderna e competitiva”. Così Marco Vincenzi, presidente del Consiglio Regionale del Lazio.

In particolare con il Next Generation Lazio, approvato con Delibera di Giunta regionale n.DEC61 del 5 novembre 2020, la Regione ha indicato le priorità progettuali del Lazio quale contributo alla definizione del PNRR. Il Next Generation Lazioha individuato 40 interventi divisi in cluster e secondo gli indirizzi strategici e le 6 missioni indicate dalle Linee guida nazionali, per una somma totale di 17 miliardi. Si sottolineano diversi interventi, in particolare:

  • Digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo per un fabbisogno finanziario di 3,5 miliardi di euro
  • Infrastrutture per la mobilità: rientra tra questi progetti la chiusura dell’anello ferroviario di Roma, con fabbisogno finanziario di 547 milioni di euro. Sempre per quanto riguarda le infrastrutture, è importante sottolineare che nel PNRR è previsto uno stanziamento di 620 milioni di euro per il raddoppio della ferrovia Roma-Pescara.
  • Rivoluzione verde e transizione ecologica, rientra anche l’acquisto di nuovi treni per le tratte Roma-Lido e Roma-Viterbo, con un fabbisogno di 255 milioni di euro.
  • Istruzione, formazione ricerca e cultura: rientra tra i progetti la realizzazione di nuovi asili nido, per un fabbisogno di 500 milioni di euro, e la riunione in un politecnico delle eccellenze del Lazio nelle aree accademiche di architettura, ingegneria, disegno industriale e altre discipline scientifiche, il potenziamento della ricerca e la creazione di percorsi di formazione superiori e di lauree professionalizzanti, per un fabbisogno di 1 miliardo di euro.

Per quanto riguarda le risoluzioni votate, il Consiglio regionale impegna la Giunta ad adottare gli atti necessari per gli adempimenti e le attività indicate:

  • Riprogrammazione dei programmi operativi regionali 2014 -2020 e la programmazione europea 2021-2027
  • Conformità dell’ordinamento regionale alla normativa europea e le procedure di infrazione
  • Programma di sviluppo rurale finanziato dal FEASR e il futuro della Politica Agricola Comune UE 2021 – 2027
  • Orientamenti e priorità politiche della Giunta regionale per l’anno 2021
  • Fermare drasticamente il consumo di suolo, attraverso una adeguata pianificazione e regolamentazione
  • Raggiungere gli obiettivi europei sulla qualità dell’acqua destinata al consumo umano e sulla riduzione della dispersione idrica