Tivoli: la festa dell’Uva Corna. Manifestazioni e degustazioni2 min di lettura

136

Parte anche quest’anno il “Settembre tiburtino”, la festa che da decenni raccoglie una serie di eventi culturali per festeggiare l’estate, promuovere le tradizioni locali e veicolare (e gustare) la bontà del pizzutello da tavola, l’uva tra i prodotti tipici di Tivoli più conosciuti in Italia, inserita nell’elenco dei prodotti a origine comune (De.CO) redatto da Anci Lazio e in attesa nelle prossime ore del riconoscimento come presidio Slow Food.

La sagra

 La 72 Sagra del Pizzutello (Bene Culturale Gastronomico) vuole mostrare una prospettiva nuova nel fare Comunità. Partendo dal lavoro dei coltivatori storici sul recupero e la promozione di una delle tradizioni storiche tiburtine come il Pizzutello, prodotto considerato un’eccellenza, tanto da essere candidato a Presidio Slow Food 2020 , si può arrivare anche al recupero e rilancio di un territorio che unisce il passato con il futuro. 

La Manifestazione verrà realizzata nel pieno rispetto delle norme anticovid previste a livello nazionale e regionale.  Il Progetto della 72° sagra del Pizzutello del 2020 si svolgerà nel week end del 12 e 13 settembre e avrà un triplice obiettivo: 

– preservare la tradizionale sagra del pizzutello durante il settembre tiburtino 

– creare un momento importante di confronto tra agricoltori storici e cittadinanza 

– trascorrere un momento di tranquillità partecipando alle attività previste nel rispetto delle normative anticovid 

La giornata del 12 settembre è stata pensata come momento solenne di apertura, in cui tra le mura delle scuderie Estensi si procederà a presentare la sagra e tutte le attività connesse. Al mattino, in piazza Garibaldi sarà presente l’archeomercato della terra con i produttori del territorio. 

Tante le attività nella giornata del 13: la caccia al tesoro per piccoli gruppi familiari alla riscoperta della città, la mostra fotografica itinerante per il centro di Tivoli (resa possibile dai materiali storici dei pizzutellari e dallo Studio di Aiapp LAMS fatto in questi anni sul paesaggio tiburtino), la Biblioteca vivente che vedrà i coltivatori storici trasformarsi in libri parlanti da sfogliare. 

Come tradizione vuole, ci sarà il momento sacro di benedizione delle uve e la relativa distribuzione da parte del Comune a tutta la cittadinanza. 

Grazie alla collaborazione con alcuni ristoratori, bar e enoteche/pub aderenti all’iniziativa, sarà possibile degustare prodotti a base di pizzutello per pranzo o durante la giornata. La collaborazione con questi ultimi prevede la consegna a ciascuno di 30 Pacchetti di Uve.

Le manifestazioni